La magica notte, quattro anni di sorrisi e solidarietà per le scuole del territorio

Grazie agli spettacoli teatrali devoluti oltre 20mila euro a scuole a associazioni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Quattro anni di successi, senza paura di mettersi in gioco, con un entusiasmo contagioso e una mission ben precisa: raccogliere fondi da devolvere agli istituti scolastici del territorio. Perché i membri della Magica Notte sono, prima di tutto, genitori, e "offrire ai nostri figli aule più moderne ed attrezzate - spiega il presidente dell'associazione Giuseppe Merloni - è una sfida che abbiamo accettato volentieri". Una sfida stravinta, come certificano i numeri che parlano di una decina di progetti didattici interamente o parzialmente finanziati grazie ai fondi - oltre ventimila euro - raccolti durante gli spettacoli al teatro comunale.

Esibizioni nate quasi per gioco e diventate, anno dopo anno, sempre più "strutturate", tanto da tramutarsi in un appuntamento annuale ormai attesissimo dai cittadini di Cesenatico. Dopo un breve periodo di pausa, l'associazione si è rimessa in moto ed oggi, con la stessa energia e le stesse finalità, è pronta ad una nuova sfida. Si guarda avanti, ma senza dimenticare tutto ciò che è stato fatto in questi ultimi anni. Durante l'anno scolastico 2016/2017 per la scuola elementare "Saffi", infatti, sono stati acquistati libri per la biblioteca scolastica ma anche testi e dvd in lingua inglese. Acquistati anche due personal computer di ultima generazione ed un proiettore per le Lim. Infine, è stato co-finanziato un importante progetto di educazione alla musica. Per quanto riguarda la scuola media "Dante Arfelli", invece, sono state acquistate due Lim (complete di istallazione) e co-finanziato un progetto di lingua inglese con l'ausilio di una docente madrelingua.Negli ultimi due anni, infine, sono stati devoluti poco meno di quattromila euro all'Airett, la onlus che si occupa della ricerca sulla sindrome di Rett, una patologia genetica degenerativa che colpisce in particolare le bambine.

Progetti concreti che la "Magica Notte" ha portato a termine grazie ad una perfetta condivisione d'intenti, "perché sul palco ci siamo divertiti - conclude Merloni - ma la gioia più grande, al di là degli applausi, è stato vedere che i nostri sforzi hanno partorito un obiettivo concreto grazie al patrocinio del comune di Cesenatico e all'entusiastica partecipazione di tutta la cittadinanza a cui va la nostra più sincera gratitudine. Lì eravamo rimasti e da lì ripartiremo".

Torna su
CesenaToday è in caricamento