menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appello di Confartigianato al Governo: "Gli studi di settore sono da rivoluzionare"

"Quello che Confartigianato chiede al Governo - dice il Gruppo di Presidenza di Confartigianato Federimpresa Cesena - formato da Stefano Ruffilli, Lorena Fantozzi e Marcello Grassi - è un ritorno alle origini per gli studi"

"Da armi per accertare una presunta disonestà fiscale a strumenti per rafforzare la compliance con l’amministrazione finanziaria e per premiare la fedeltà fiscale e l’efficienza produttiva delle imprese". E’ la rivoluzione che Confartigianato sollecita per gli studi di settore. "Quello che Confartigianato chiede al Governo - dice il Gruppo di Presidenza di Confartigianato Federimpresa Cesena - formato da Stefano Ruffilli, Lorena Fantozzi e Marcello Grassi - è un ritorno alle origini per gli studi, nati 20 anni fa proprio da un progetto di confronto e condivisione tra il Fisco e le Organizzazioni che rappresentano gli imprenditori".

"All’epoca l’obiettivo era quello di selezionare i contribuenti a rischio di evasione e offrire certezze a quelli in regola - continua l'associazione degli artigiani -. Nel tempo, gli studi di settore sono diventati 204, una macchina sempre più complessa e sofisticata che si applica a 3.600.000 soggetti, tra imprese appartenenti ai settori manifatturiero, dei servizi, del commercio e professionisti, con ricavi fino a 5.164.000 euro. In questi anni le continue revisioni e aggiornamenti li hanno resi capaci di fotografare la situazione fiscale delle imprese anche alla luce della crisi economica. Ma non è mancato, da parte dell’Amministrazione finanziaria, un uso improprio degli studi per fare cassa, sfruttandoli come arma di accertamento.Ora è arrivato il momento di cambiare passo. E la spinta a rivedere gli studi di settore arriva proprio dal Governo con le indicazioni di politica fiscale 2016-2018 emanate nel dicembre scorso dal Ministro dell’Economia Padoan. L’obiettivo del Governo consiste nel revisionare gli studi per renderli più efficaci e attendibili, ma al tempo stesso semplificarli e ridurne il numero".

"E’ quindi l’occasione giusta - sostiene il Gruppo di Presidenza Confartigianato - per abbandonare una volta per tutte l’uso degli studi come strumento di accertamento fiscale e valorizzarli per premiare il corretto rapporto con il fisco. In pratica, secondo la proposta di Confartigianato al Governo, gli studi servirebbero a definire una soglia minima di reddito di riferimento per ogni impresa. Il reddito prodotto oltre questa soglia godrebbe di una tassazione agevolata. In questo modo, gli studi di settore diventeranno la chiave per ridurre la pressione fiscale sugli imprenditori e migliorare la loro capacità produttiva".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento