rotate-mobile
Economia

In tutta la filiera la nuova razza allevata all’aperto: Amadori punta sul pollo biologico

Amadori, che ha introdotto la propria filiera avicola biologica nel 2018, continua il percorso di innovazione e sviluppo delle filiere di alta qualità

L’attuale scenario del mercato alimentare mostra una crescente attenzione da parte dei consumatori alla qualità e alla sostenibilità dei prodotti: in particolare, le vendite in Italia dei prodotti Bio hanno raggiunto nel 2023 i 5.474 milioni di euro, in crescita rispetto all’anno precedente sia nel canale at home (+7%) che away from home (+18%). La produzione italiana è premiata anche dalla crescita dell’export, che ha toccato i 3.641 mln di euro, +8% rispetto al 2022. [1]

Amadori, che ha introdotto la propria filiera avicola biologica nel 2018, continua il percorso di innovazione e sviluppo delle filiere di alta qualità (oltre al biologico, il pollo e tacchino Qualità 10+ e Il Campese allevato all’aperto, eccellenza della produzione) con l’introduzione della nuova razza allevata all’aperto rispettando i ritmi di crescita naturali, senza uso di antibiotici e nutrita solo con mangime da materie prime biologiche. Un pollo dal piumaggio color nocciola, per cui sono state sviluppate anche nuove strutture nel Tavoliere delle Puglie e in Basilicata, che si affiancano a quelle esistenti.

Lo sviluppo di questa filiera, integrata e italiana come tutta la produzione Amadori, conferma le scelte strategiche del Gruppo, sempre più attento a qualità e sostenibilità per andare incontro alle richieste dei consumatori italiani. Un percorso iniziato nel 2018 e proseguito fino ad avere a fine 2023 oltre 40 allevamenti certificati. La filiera biologica Amadori - che dal 2022 può vantare anche il requisito dell’allevamento senza uso di antibiotici - ha inoltre registrato negli ultimi cinque anni una crescita media annua a doppia cifra nelle vendite.

Innovazione dell’offerta e attenzione alla sostenibilità si rispecchiano anche nel nuovo packaging della gamma Bio, interamente proposto con vaschette in LID termosaldato al 70% in plastica riciclata: un layout ben riconoscibile a scaffale anche a livello cromatico, dal visual coerente col recente rebranding che ha coinvolto tutte le gamme best-seller Amadori e successivo al lancio del nuovo logo aziendale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In tutta la filiera la nuova razza allevata all’aperto: Amadori punta sul pollo biologico

CesenaToday è in caricamento