"Ridateci il nostro lavoro": manifestazione in piazza contro il mini lockdown

"La manifestazione – spiegano i presidenti Fipe cesenati baristi Angelo Malossi e ristoratori Vincenzo Lucchi – si terrà simultaneamente in dieci città italiane"

 Anche una ventina di pubblici esercenti cesenati associati alla Fipe Confcommercio cesenate, parteciperanno mercoledì in piazza Maggiore a Bologna contro le restrizioni applicate alla categoria dalll'ultimo Dpcm del Governo, che ha fissato la chiusura di bar e ristoranti alle 18. "La manifestazione – spiegano i presidenti Fipe cesenati baristi Angelo Malossi e ristoratori Vincenzo Lucchi – si terrà simultaneamente in dieci città italiane per rimarcare la drammatica situazione del settore nell’emergenza economica scaturita dal covid-19 dopo i nuovi provvedimenti che anticipano gli orari di chiusura a mezzanotte e dalle 18 impongono la somministrazione ai clienti solo se seduti al tavolo. Nel rispetto delle direttive anti-contagio sarà una manifestazione statica e col distanziamento di un metro dei partecipanti, mentre scenograficamente dei tavoli rovesciati staranno a simboleggiare lo smantellamento drammatico del settore che i nuovi provvedimenti del Governo rischiano di provocare, in una situazione già da molti mesi di emergenza”.

“Dopo il Dpcm del 18 ottobre è arrivata un’ ulteriore mazzata per il settore della ristorazione e dei bar, che con il lockdown e la lenta ripresa successiva ha già ha perso 24 miliardi di euro su 86 miliardi di fatturato e il mondo delle imprese, del commercio e della ristorazione scenderà in piazza per rimarcare il valore economico e sociale del settore dei pubblici esercizi”. “Dai monitoraggi effettuati le nostre attività rispettano serissimamente i protocolli e non meritano di essere penalizzate – aggiungono Malossi e Lucchi -. Anche nel nostro territorio cesenate, pur dopo la coraggiosa ripartenza estiva in cui i locali hanno dato una grande prova di dinamismo, responsabilità e intraprendenza beneficiando anche del suolo pubblico gratuito concesso dai Comuni per avere più spazio all’aperto, il settore sta tuttavia ancora scontando i gravissimi danni derivati sia dalla chiusura obbligata durante il lockdown sia dalla lenta ripresa, con le attività di ristorazione in generale che sono a regime al 50-60% rispetto alla fase pre-covid. Molti imprenditori stanno pianifcando l'investimento per i nuovi dehor ed ora si trovano come le gambe dimezzate. Noi imprenditori della Fipe rispettiamo i provvedimenti, ma pensavamo che dopo l’esperienza passata, in cui ci è toccato di convivere con la emergenza sanitaria, la politica fosse capace di gestire la situazione senza ammazzare il sistema economico, quello che invece sta improvvidamente avvenendo’’.

Manifestazione anche a Cesena

Non solo a Bologna. Una manifestazione è in programma anche a Cesena in Piazza del Popolo giovedì alle 18, orario che segna l'inizio del lockdown per molte attività. "Con l'ultimo DPCM si è scelto di colpire nuovamente i settori della ristorazione, delle palestre e dello spettacolo dal vivo, già duramente messi alla prova dalla prima ondata della passata primavera - spiega Fabrizio Faggiotto -. Il tutto senza alcun tipo di evidenza che siano proprio essi la causa primaria dell'aumento dei contagi e ignorando le richieste delle Regioni e dei vari governatori Per questo scenderemo in piazza per far sentire la nostra voce". Alla manifestazione "ci si presenterà indossando la mascherina e disponendosi in modo ordinato così da mantenere rigorosamente un metro di distanza gli uni dagli altri. Ognuno avrà un cartello su cui vi saranno scritte frasi/proposte/volontà. Una piazza ordinata che nel massimo rispetto delle misure di sicurezza lancerà un messaggio chiaro. La manifestazione è promossa da un gruppo trasversale di imprenditori e cittadini senza alcun tipo di simbolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento