menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'analisi di Confartigianato: "Credito alle piccole imprese ancora tasto dolente"

L’analisi settoriale per le società non finanziarie vede in crescita sia il manifatturiero sia i servizi dell’1,0% a cui si contrappone il calo del 5,1% delle costruzioni

Per quanto riguarda la classe dimensionale d’impresa gli ultimi dati disponibili evidenziano per le imprese medio-grandi un aumento del credito dello 0,2% mentre persiste la flessione per le imprese con meno di 20 addetti che registrano un calo dello 0,8%. L’analisi settoriale per le società non finanziarie vede in crescita sia il manifatturiero sia i servizi dell’1,0% a cui si contrappone il calo del 5,1% delle costruzioni. Il calo dei prestiti concentrato nelle piccole imprese non sembra inoltre strettamente determinato da condizioni strutturali di maggiore rischiosità: a giugno 2017, tra le società sane, il credito sale del 3% per le grandi imprese e dell’1,5% per le medie mentre ristagna (0,3%) per le piccole e scende del 2,5% per le micro imprese.

“Il calo dei prestiti alle imprese concentrato sul segmento di piccola dimensione - rimarca il Gruppo di Presidenza Confartigianato - è influenzato da maggiore difficoltà di accesso al credito: nel settore manifatturiero il saldo di opinione sull’accesso al credito delle micro imprese a settembre 2017 rimane negativo (-2,5%) mentre è positivo per le imprese medie (1,5%) e grandi (3,0%). La maggiore difficoltà di accedere a strumenti di finanziamento bancario non è da considerarsi anche nel nostro territorio cesenate e provinciale conseguenza della minore qualità del credito delle piccole imprese che presentano una quota di crediti deteriorati del 25,5%, inferiore di 2,7 punti percentuali rispetto al 28,2% di una impresa medio-grande. In parallelo, pur in un contesto caratterizzato dagli effetti positivi della politica monetaria sul costo del credito, una piccola impresa, in media nazionale, paga un tasso di interesse effettivo pari al 7,07% superiore di 301 punti base rispetto al 4,06% pagato da una impresa medio-grande”. L’analisi dei prestiti all’artigianato – resa possibile grazie alla collaborazione con Artigiancassa – evidenzia in cinque anni (giugno 2012-giugno 2017) che i prestiti all’artigianato, il dato vale anche per il nostro territorio,  si sono ridotti complessivamente di un quarto (-23,1%), pari a 12,3 miliardi di euro in meno, calo oltre una volta e mezzo quello registrato dal totale imprese (-13,5%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento