I farmaci biotecnologici trovano casa a CesenaLab: premiata una start-up promettente

Il metodo è frutto degli studi di Francesco Alabiso per la tesi della laurea triennale: una volta uscito da quel laboratorio ha messo insieme tutti tasselli del puzzle

Un modo innovativo di produrre farmaci biotecnologici che, sfruttando tecniche di ingegneria genetica, abbatte i costi di produzione fino al 30%. È il progetto della startup bolognese Hype BioTechnologies che si è aggiudicata il 1° premio di 7.000 euro della Start Cup Emilia-Romagna 2018, la competizione per idee innovative d’impresa promossa e coordinata da Aster, società regionale per l’innovazione e la ricerca industriale, in collaborazione con le Università e i partner territoriali tra cui Cesenalab. 

Il metodo è frutto degli studi di Francesco Alabiso per la tesi della laurea triennale: una volta uscito da quel laboratorio ha messo insieme tutti tasselli del puzzle sulla possibilità quantomeno teorica di realizzare il sistema. “I passi da fare adesso sono ottenere la proof of concept– spiega Alabiso – la validazione a livello sperimentale che si fa in laboratorio, necessaria per verificarne il funzionamento e la sostenibilità. Dati alla mano potremo procedere con la domanda di brevetto. Il bello di questo modello è che è replicabile per qualsiasi prodotto biotecnologico, che sia farmaco oppure no. Il nostro obiettivo sarebbe brevettarlo e venderlo alle aziende che, utilizzandolo, risparmierebbero”.

I tre giovani fondatori della startup vincitrice vincitori, Francesco Alabiso, Francesco Neri e Luca Dall’Olio, avevano partecipato con successo anche all’ottava edizione del Premio Gaetano Marzotto, conclusasi a giugno 2018, ed erano stati premiati alla finale Network Incubatori e Parchi Scientifici e Tecnologici del PGM8 dall’incubatore CesenaLab ottenendo sei mesi di incubazione e affiancamento. Da luglio, infatti Hype BioTechnologies sta lavorando duramente in collaborazione con lo staff di CesenaLab nello sviluppo di questo importante ed entusiasmante progetto. Con la vittoria della Start Cup Emilia Romagna 2018 è arrivato il primo grande risultato, punto di partenza di una grande crescita. 

“Sostenere queste importanti idee innovative, che rimarrebbero forse solo studi e ricerche in ambito universitario, è il nostro primo obiettivo” spiega Dario Maio, Presidente di CesenaLab “L’università è spesso il cuore dove le idee nascono, un punto di partenza prezioso. Gli incubatoi come Cesenalab hanno l’importante compito di coltivarle e farle crescere per un ingresso di successo nel mercato. Siamo fieri del nostro operato, dell’impegno profuso dalle nostre startup e dei risultati che ottengono.” 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento