La crisi continua ad addentare anche la carne: e c'è chi paga solo a fine mese

“Nelle frazioni e in molti quartieri periferici – prosegue Ricci - le macellerie sono ancora, anzi ora di più con la crisi, presidi sociali e ci sono ancora negozi dove si segna e si paga a fine settimana o fine mese"

Anche nel secondo semestre del 2013 i morsi della crisi hanno continuato ad addentare il settore della macellazione, con un rilancio dei consumi nel periodo natalizio. La flessione media nel 2013 si stima comunque attorno al 15-20% per le macellerie cesenati, a causa del ridotto potere d'acquisto delle famiglie: è quanto emerge dal bilancio stilato dall'Osservatorio Confcommercio cesenate sulle macellerie comprensoriali.

"Anche il nostro settore risente della crisi dei consumi - mette in luce il presidente di Federcarni Confcommercio Edgardo Ricci - anche se le macellerie- gastronomie nostre aderenti (una cinquantina nel comprensorio) stanno per il momenti riuscendo a mantenere i livelli occupazionali. Quanto agli atteggiamenti di acquisto, è pù venduta la carne bianca, mentre risulta in calo quella rossa e la sensazione dei macellai è che si siano ridotti i quantitativi acquistati. Per fortuna, hanno anche il loro peso i proventi della gastronomia abbinata alla macelleria con i pronti a cuocere, che ormai ammontano al 30% del fatturato complessivo".

“Il trend generale è quello di famiglie cesenati che consumano mediamente carne un giorno sì e un giorno no, anche se lo zoccolo duro dei clienti viene in macelleria tutti i giorni: fra questi anche giovani e sportivi, molto attenti alla dieta alimentare. La qualità è sempre al primo posto: la nostra carne venduta proviene per lo più dal nostro territorio dove gli imprenditori macellai acquistano i capi e seguono in prima persona le fasi che conducono alla vendita della fettina in negozio. La vera forza di una macelleria è la bontà della carne venduta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nelle frazioni e in molti quartieri periferici – prosegue Ricci - le macellerie sono ancora, anzi ora di più con la crisi, presidi sociali e ci sono ancora negozi dove si segna e si paga a fine settimana o fine mese". Federcarni cesenate, uno dei sindacati di categoria storici del territorio, prosegue la sua attività nel 2014  promuovendo la fidelizzazione dei clienti; incrementando le attività di aggiornamento (spiccano le dimostrazioni pratiche di gastronomia o i corsi di trattamento della carne) e gli incontri presso botteghe e macellerie innovative italiane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Cresce la curva dei contagi, "focolaio" in un caseificio. Il Covid torna ad uccidere nel Cesenate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento