Benzina, prime reazioni dei distributori dopo l'ingresso del Conad

L'incognita è duplice: "Come fanno a mettere sul mercato un prodotto a quei prezzi? Siamo sicuri della qualità?" è il ritornello che corre di pompa in pompa

"Ma le persone si chiedono come fa ad avere i prezzi più bassi?". C'è chi la prende sul ridere e chi la vede dura, ma sta di fatto che il nuovo distributore Conad non sta simpatico agli altri sia gestori che siano vicini o in periferia. Tra la crisi e la concorrenza che già c'era, ora la situazione si è arricchita di un ulteriore protagonista che per alcuni è un ostacolo. Parlando con qualche “benzinaio” emerge l'altra faccia della medaglia. L'incognita è duplice: “Come fanno a mettere sul mercato un prodotto a quei prezzi? Siamo sicuri della qualità?” è il ritornello che corre di pompa in pompa.

C'è chi, guardando al futuro, non ha dubbi: “Se le cose peggiorano il titolare ci lascia tutti a casa e automatizza il servizio così, anche se lavora meno, almeno non ha le spese del personale”. Il distributore Tamoil di via Cesenatico, quello che in linea d'aria è il più vicino rispetto alla new entry, regge la botta anche se un po' scricchiola nel Gpl. Ma non è mancato il via vai di automobilisti che lo hanno scelto per la benzina. “Ad ogni modo è ancora presto per fare i conti – dicono – anche perchè ora c'è l'elemento curiosità che non è poco”.

In tanti distributori segnalano invece un lieve calo. “Noi andiamo benissimo – dicono dal distribuore Atras della secante – guardi quanto tempo libero che abbiamo, il mio collega ad esempio sta tosando l'erba che dà sulla strada”. Il tono è ironico, ma si fa più serio dopo poco. “I prezzi si sarebbero abbassati comunque e non perchè ha aperto il Conad”.



E poi non mancano le lamentele dei clienti. In diversi punti dicono che è sempre maggiore il numero di persone che arriva in riserva e con dieci euro non riesce a far spegnere la spia rossa della benzina che sta finendo. “Se la prendono con noi, ma noi che colpa ne abbiamo?”. Tornando alla Tamoil di via Cesenatico, i gestori non hanno dubbi: “Io non faccio cambio. Sono curioso di vedere quanta strada fa una stessa macchina con un pieno della nostra benzina e poi con quella Conad. In questo modo si vede la qualità del prodotto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E corrono voci, non confermate, secondo cui le auto in panne dopo il rifornimento al distributore Conad a pochi giorni dall'apertura, sarebbero intorno al centinaio e non solo sette come dichiarato dalla compagnia. Sembra da escludersi il tentativo di sabotaggio che avrebbe sporcato il carburante.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento