Confartigianato incontra il sindaco: "Bene il progetto sul centro, tranne piazza della Libertà pedonale"

Confartigianato condivide l'impianto generale del progetto di rilancio del centro storico del Comune, ma torna a chiedere che il parcheggio di maggior rilievo dentro il centro storico, quale è quello di piazza della Libertà, venga mantenuto. Sono alcuni dei dati emersi nel confronto tra sindaco Lucchi e imprenditori artigiani

Confartigianato condivide l'impianto generale del progetto di rilancio del centro storico del Comune, ma torna a chiedere che il parcheggio di maggior rilievo dentro il centro storico, quale è quello di piazza della Libertà, venga mantenuto. Sono alcuni dei dati salienti emersi nel confronto tra sindaco Lucchi e assessori e imprenditori artigiani tenutosi nella sede di Confartigianato guidato dal presidente Alessandro Naldi e e dal vicesegretario Giampiero Placuzzi.
 

Nel corso dell'incontro il sindaco ha annunciato che a giorni la società Sacro Cuore presenterà la domanda di variante al progetto urbanistico che prevede la realizzazione di un parcheggio nell'area adiacente ai Giardini pubblici e ha affermato che a suo parere il progetto verrà realizzato in tempi non lunghi. "Per quale ragione allora non ragionare in un'ottica di allineamento della chiusura del parcheggio di piazza della Libertà e di realizzazione del nuovo progetto se essa è cantierabile in tempi rapidi?": questo il ragionamento del segretario Confartigianato Stefano Bernacci rivolto al sindaco.
 

L'assessore Miserocchi ha rimarcato che potrebbero sussistere problemi tecnici nel vincolare l'avvio di un intervento pubblico alla realizzazione  un intervento privato, ma il percorso suggerito da Confartigianato è stato annotato nella sua agenda di appunti dal sindaco Lucchi. Continua poi Miserocchi su piazza della Libertà: "I costi dell'intervento su piazza della Libertà non sono esosi come alcuni affermano: essendo un'area di seimila metri, che comprende anche via Vescovado, il costo è di circa 500 euro al metro, inferiore a quello, ad esempio, dell'intervento che il 19 marzo partirà in via Fantaguzzi dove verrà realizzata la nuova pavimentazione".
 

La discussione sul futuro del centro è stata ampia: gli imprenditori presenti hanno rimarcato l'alto costo del suolo pubblico in centro, ormai a livello nel rapporto metro/giorno dei canoni di affitto dei locali, che il professionista Piero Manuzzi ha chiesto di ridurre; la parrucchiera Paola Cecchetti ha denunciato la situazione invivibile nella zona del Serraglio tra Giardini pubblici e viale Carducci dove residenti e negozianti trovano posti auto per il parcheggio e ci sono problemi di serena convivenza con gli stand durante la fiera di San Giovanni e con locali notturni ritenuti troppo rumorosi. L'iimprenditrice Francesca Passerini, che ha l'attività in via Aldini, ha lamentato che la chiusura della via correlata a quella di piazza della Libertà il suo negozio non sarà più raggiungibile agevolmente dai clienti.  Altre lamentele di artigiani di viale Mazzoni per lo smantellamento dei banchi nei giorni mercatali che si prolunga oltre gli orari stabiliti, e di negozianti artigiani che hanno subito la riduzione netta degli introiti e lamentano la scarsa fruibilità del centro storico. Umberto Barocci ha chiesto da dove scaturisca la necessità di chiudere il parcheggio di piazza della libertà con una città afflitta da così tanti problemi ben più urgenti.
 

Una proposta è stata quella di eliminare l'Imu ai locali affidati all'artigianato di servizio e di riutilizzare in tal senso anche alcuni contenitori di pregio ora non utilizzati. Da più parti è emersa la considerazione che la città è divisa sul progetto di centro da costruire, come forse non lo è mai stato in passato.  "Su piazza della Libertà e sul centro ci sono due visioni contrapposte - ha detto il sindaco -: una, dell'amministrazione, che dagli anni Settanta ad oggi si prefigge la pedonalizzazione e privilegia il ragionamento sulle funzioni del centro, l'altra che invece vuole mantenere le auto in centro storico".
 

Nella loro chiusura il presidente Naldi e il vicesegretario Placuzzi hanno rimarcato la necessità di riaffermare un confronto più sereno che punti a definire un percorso che definisca obiettivi, temi e risorse per un progetto di rilancio integrale del centro partendo dall'analisi di quello proposto dall'amministrazione comunale a Carta Bianca che sarà sottoposto alle imprese associate, non limitando il dibattito alla questione dei parcheggi, fermo restando che un parcheggio attrattivo e identitario, quale più di tutti è quello di piazza della Libertà, in centro storico per Confartigianato resta fondamentale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento