Vaccini Covid alla casa di riposo, un incontro formativo per allontanare i dubbi: "Serve responsabilità"

Successivamente, le parti si confronteranno per verificare se il numero degli operatori disponibili al vaccino si amplierà fino ad arrivare a proporzioni che rendano sicura la gestione della struttura

Il caso della Casa residenza anziani “Camilla Spighi” in cui alcuni operatori hanno deciso di saltare la prima chiamata al vaccino anti-Covid ha permesso di far emergere alcuni vuoti normativi ed informativi della campagna vaccinale che hanno il peso di vanificare l’obiettivo di uscire in tempi rapidi dall’emergenza sanitaria ed economica.

Il Sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini nel corso dell’incontro che si è tenuto lunedì sera con le rappresentanze sindacali ha tenuto a precisare che "l’intenzione di sollevare il caso di specie mira a denunciare un problema che avrà ripercussioni dannose sui lavoratori di tutti i settori, generando disagi lavorativi, economici e sociali. In un momento di piena crisi sanitaria e delle difficoltà economiche che cresceranno nel corso del 2021 l’esigenza condivisa da tutte le parti è quella di chiedere condizioni chiare a tutela del lavoro e delle imprese".

Per i sindacati FP CGIL-CISL FP-UIL FPL "i mesi che sono alle nostre spalle hanno visto lo sforzo straordinario di tutte le professioniste e professionisti del servizio sanitario e sociosanitario nazionale nella lotta contro la pandemia; donne e uomini che nonostante i gravissimi rischi e le pesanti ricadute in termini personali si sono fatti carico di superare i limiti strutturali derivanti da anni di tagli nella sanità, le enormi carenze di organico, le iniziali mancanze di dispositivi e protezioni, le scelte contraddittorie. E’ in questa prospettiva che l’avvio della campagna vaccinale segna un punto di primaria importanza nella lotta che tutto il paese, ma più in generale l’umanità, sta combattendo contro la malattia da Covid-19".

Si è tenuto lunedì un confronto tra il Sindaco di Bagno di Romagna e le rappresentanze sindacali insieme alle RSU della “Camilla Spighi” con l’obiettivo di tentare di condividere una soluzione che, a fronte delle problematiche emerse, possa tutelare il funzionamento della struttura e la posizione degli operatori.

"La composizione dell’incontro - sottolinea il sindaco - ha trovato origine nella condivisione che la situazione di difficoltà in cui si trovano Ente Comunale ed operatori dipendenti è conseguenza di una campagna vaccinale non ben definita, priva di una campagna informativa strutturata e chiara e avviata in modo troppo repentino per permettere scelte consapevoli da parte dei lavoratori.  Il tema delle responsabilità scaturenti dalla scelta legittima degli operatori di non sottoporsi al vaccino rappresenta un problema che coinvolge in prospettiva tutti i lavoratori e i datori di lavoro e che necessita di una soluzione normativa nazionale. Al riguardo, nell’attesa di una definizione generale che, se verrà, non avrà tempi rapidi, la condivisione di Sindaco e Sindacati è quella di voler gestire la situazione attraverso un confronto che permetta di bilanciare le reciproche posizioni in modo da raggiungere la maggior tutela per lavoratori ed ente Comunale".

Sulla gestione della situazione della Camilla Spighi, Sindaco e Sindacati hanno concordato un piano organizzativo comune, con il quale auspicano di uscire dall’impasse con i minori disagi possibile. Giovedì si terrà per tutti gli operatori un incontro formativo sul vaccino anti-Covid da parte dell’Ausl Romagna, che servirà a superare dubbi e preoccupazioni generati invece da una caotica campagna mediatica. Successivamente, le parti si confronteranno per verificare se il numero degli operatori disponibili al vaccino si amplierà fino ad arrivare a proporzioni che rendano sicura la gestione della struttura. Su questi aspetti giocherà un ruolo importante l’Ausl che sarà chiamata ad esprimere le valutazioni sanitarie necessarie sulle condizioni per il funzionamento in sicurezza della struttura. A quel punto, si verificherà la situazione nel suo complesso, anche alla luce dei vaccini che verranno somministrati agli ospiti, e si tracceranno protocolli condivisi per mettere in sicurezza la struttura. 

"Siamo convinti – sostengono Sindaco e FP CGIL-CISL FP-UIL FPL – che la competenza e la responsabilità che gli operatori della Camilla Spighi hanno sempre espresso emergerà anche in questa occasione, a dimostrazione dell’eccellenza della struttura". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento