Romagnano celebra la Pasqua: il programma delle festività

Domenica si reciterà il Rosario alle 20.30. Lunedì saranno celebrate le messe alle 8 celebrata, come ogni anno, da don Daniele Bosi

foto rarissima di 50 anni fa, 1968, il parroco don Valentino Caufin morto nel dicembre scorso insieme ai chierichetti. manca il campanile non ancora costruito, a alcune case sulla via

Romagnano celebra la Pasqua. Domenica si reciterà il Rosario alle 20.30. Lunedì saranno celebrate le messe alle 8 celebrata, come ogni anno, da don Daniele Bosi e alle 9.30 celebrata da don Edero Onofri, con possibilità di confessarsi fin dalle 7.30, mentre la celebrazione solenne è prevista per le ore 11, celebrata da mons. Andrea Turazzi, vescovo di San Marino Montefeltro a cui Romagnano appartiene, anche se bagnata dalle acque del Savio. Alle 15 il Rosario, dopo il quale si terrà la processione con la statua della Madonna di Romagnano cantando all’andata l’Inno e il Canto della Madonna di Romagnano composti anni fa da don Bosi e al ritorno litanie secondo il modo sarsinate. Nel pomeriggio musica con “Sofia e Ale”, stand al coperto con menù locale e i “gusoni”, pesca e svaghi tradizionali. Anche quest’anno sarà allestita la mostra con le foto delle feste degli anni passati. Alle ore 19,30, al circolo parrocchiale “Il Convivio”, concerto di folk italiano, americano, irlandese con “Etilisti noti”. 

"Anno dopo anno, una catena che ci porta direttamente al 1563, 8 di aprile, 455 anni fa - afferma don Bosi -. Le comunità della zona si sono sempre radunate per ricordare un fatto prodigioso, che aveva interessato in modo rilevante i nostri antenati e aveva scosso la fede di queste vallate. Tutto accade quella mattina. Una bimba del luogo, andando a pascolare pecore nel podere “Giampereto”, situato nel confine della parrocchia di Montepetra ma di fronte alla chiesa di Romagnano, ebbe una visione della santa Vergine. La bimba, in precedenza sordomuta, riacquistò miracolosamente parola e udito e questo suscitò scalpore in quanto tutti nella zona conoscevano la bambina. I genitori portarono la bimba a Sarsina, dal Vescovo Lelio Garuffi, che esaminò la questione recandosi sul luogo e interrogando testimoni. Di fronte al luogo dell’apparizione c’erano i ruderi di una chiesa, Santa Maria in Romagnano, pieve antichissima precedente al mille. Con l’alluvione del 1557 la struttura, sebbene già abbandonata, aveva subito notevoli crolli. La Madonna disse alla bambina di comunicare al Vescovo che la chiesa doveva essere ricostruita. In pochi mesi la struttura era già innalzata e della chiesa millenaria era rimasta la parte absidale in pietra, quella che oggi si può ancora ammirare. Varie lapidi all’interno della chiesa testimoniano il fatto prodigioso e la ricostruzione dell’edificio, avvenuta più volte tra cui ricordiamo il rimpicciolimento del 1805".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Il virus si 'conferma', il Cesenate ha i numeri migliori ma prosegue la scia di morti

Torna su
CesenaToday è in caricamento