rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Bagno di Romagna

Giorno del Ricordo, a Bagno si celebra con la testimonianza di una figlia di esuli delle foibe trasferiti in Romagna

Il Comune ha voluto organizzare per la prima volta un'iniziativa sulla storia delle Foibe, con il proposito di  condividere con i ragazzi e con la cittadinanza l'importanza di riflettere su fatti che fanno parte della storia italiana

In occasione del Giorno del Ricordo 2022, l'Amministrazione Comunale di Bagno di Romagna organizzerà, in collaborazione con il liceo scientifico A. Righi sede di Bagno, un'iniziativa per ricordare le vittime della Foibe e l'esodo degli italiani dai territori dell'Istria, di Fiume e della Dalmazia.  

Istituito con la legge n. 92 del 30 marzo 2004 secondo la quale «la Repubblica riconosce il 10 febbraio una giornata in cui conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale», il Giorno del Ricordo sarà celebrato presso il Liceo A. Righi di Bagno giovedì 10 febbraio alle ore 11.30 con la testimonianza di Annamaria Silvani, figlia di esuli delle foibe trasferiti in Romagna: l’evento si svolgerà in presenza per i ragazzi del liceo, con la possibilità di collegarsi online per la Scuola M. Valgimigli e per tutta la cittadinanza (https://meet.google.com/zey-beyr-bcu)

Grazie alla collaborazione con l’Istituto Storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Forlì-Cesena e ai professori di storia del liceo di Bagno, l'Amministrazione Comunale ha voluto organizzare per la prima volta un'iniziativa sulla storia delle Foibe, con il proposito di  condividere con i ragazzi e con la cittadinanza l'importanza di riflettere su fatti che fanno parte della storia italiana del secolo scorso. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale in Istria, in Dalmazia e a Fiume 350.000 italiani dovettero scappare e abbandonare la loro terra, le loro case, la loro vita, incalzati dalle bande armate jugoslave. Decine di migliaia furono uccisi nelle Foibe, cavità carsiche caratteristiche di quella terra, o nei campi di concentramento. Una persecuzione perpetrata contro gli italiani della costa orientale dell'Adriatico. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giorno del Ricordo, a Bagno si celebra con la testimonianza di una figlia di esuli delle foibe trasferiti in Romagna

CesenaToday è in caricamento