Fiva Confcommercio: "Cibi di strada senza penalizzare gli ambulanti"

Ad affermarlo è il presidente Fiva Confcommercio cesenate Alverio Andreoli

Si era stabilito e pattuito che con la messa a disposizione di piazza della Libertà il nuovo spazio cittadino recuperato grazie all'intervento di riqualificazione sarebbe divenuto quello vocato per sagre, fiere e rassegne gastronomiche, liberando piazza del Popolo da questa incombenza assunta durante i lavori in corso e quindi siamo molto stupiti che sia stato annunciato dall'amministrazione comunale che ad ottobre la rassegna "I Cibi di Strada" si terrà ancora in piazza del Popolo, mentre piazza della Libertà dovrebbe ospitare una iniziativa collaterale". Ad affermarlo è il presidente Fiva Confcommercio cesenate Alverio Andreoli.

"Nel quadro di un serio e proficuo confronto messo in campo tra categorie economiche, fra cui la nostra di operatori commerciali su aree pubbliche, e amministrazione comunale - argomenta Andreoli - quello della restituzione totale di piazza del Popolo alla sua vocazione peculiare che comprende anche quella di essere piazza del mercato ambulante, è sempre stato un punto fermo e indiscutibile. Pertanto, ci permettiamo di affermare che qualora la notizia del mantenimento della manifestazione "I Cibi di strada" in piazza del Popolo fosse confermata, piuttosto che smentita come ci auguriamo sia fatto tempestivamente, sarebbe una decisione non coerente, anche perché adesso Cesena ha a disposizione una piazza appositamente creata e vocata per questo tipo di grandi manifestazioni, una piazza libera, senza ostacoli e controindicazioni che invece si trovano in piazza del Popolo dove, grazie al senso di grande responsabilità e al sacrificio degli imprenditori ambulant, si è eccezionalmente svolta la rassegna durante l'apertura del cantiere in piazza della Libertà, sua sede storica e naturale dove è evidente che deve ritornare".

"Riteniamo che sia possibile organizzare  l'iniziativa dei cibi di  strada  senza  penalizzare gli  operatori del  mercato - conclude Andreoli - e  a tal proposito  siamo  disponibili a confrontarci con gli organizzatori dell'iniziativa al fine di definire al meglio una soluzione che non penalizzi  gli operatori  ambulanti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento