"Festa della Romagna" e i bimbi cantano "Ad chi sit è fiol?"

“Ad chi sit e fiol” (testo e musica di Mirko Casadei) e “Romagna capitale” (testo e musica di Mirko e Raoul Casadei) entrano così nel bagaglio di canzoni canticchiate dai bimbi

Mattinata tra le balle di fieno (ma in mezzo a una rotatoria) per i bimbi della scuola primaria Moretti di Sant'Angelo (Gatteo) per la tappa finale del progetto “Ad chi sit e fiol?” che la terza B ha svolto in classe in compagnia di Mirko Casadei e Fabrizio Coveri. Una grande festa con tutta la scuola, in compagnia di sindaco, genitori e curiosi, proprio nell’area verde che ospita la maxi rotonda dedicata a "Romagna Mia" sulla provinciale Rigossa, per l’occasione chiusa parzialmente al traffico. Canzoni, coreografie, recite e sketch per i bimbi che hanno animato la mattinata di festa, indossando costumi romagnoli e utilizzando oggetti della cultura contadina ad uso coreografico, con tutti i compagni di scuola, i genitori, le maestre e l'Orchestra di Mirko Casadei.

Tutto nasce da una visita dei bimbi agli ospiti anziani e disabili della casa di riposo “A. Fracassi” di Sant’Angelo, in cui viene proposto loro di cantare qualcosa insieme: da lì lo stimolo per le insegnanti di dare vita a un progetto di valorizzazione del patrimonio culturale romagnolo dei nonni e il recupero del dialetto. Passo successivo: da un incontro col musicista Fabrizio Coveri dei Khorakhanè, interprete con Mirko del brano e relativo video “Ad chi sit e fiol” dell’Orchestra Casadei, si pensa a lezioni in classe, dedicate a musica e tradizione romagnola, condotte da Coveri stesso e da alcuni musicisti dell’orchestra.

A metà maggio Mirko stesso ha fatto visita ai ragazzi, per mettere a punto gli ultimi dettagli canori e soprattutto per raccontare la storia della sua famiglia, dal patriarca Secondo Casadei a suo padre Raoul Casadei. “Ad chi sit e fiol” (testo e musica di Mirko Casadei) e “Romagna capitale” (testo e musica di Mirko e Raoul Casadei) entrano così nel bagaglio di canzoni canticchiate dai bimbi, con tanto di coreografie e cori realizzati in classe da mostrare prima di tutto, come ovvio, ai nonni di Casa Fracassi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ad chi sit è fiol?", in dialetto romagnolo significa "tu di chi sei il figlio?" un modo di dire dei nonni romagnoli per identificare il casato o la provenienza di una persona – racconta Mirko a proposito del brano chè dà il nome al progetto - La canzone è un abbraccio ai popoli che attraversano il mare per arrivare sulle nostre coste italiane, donne, bambini, uomini, figli della guerra, dell'odio, della miseria, che si avventurano disperati, lottando contro il loro destino, aggrappati a un sogno e a una speranza alla ricerca di un mondo nuovo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento