menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tommaso Dionigi

Tommaso Dionigi

Conflitto di interesse, le opposizioni: "Analizzare il "dossier" Dionigi in commissione"

Le opposizioni in consiglio comunale vogliono analizzare il "dossier Dionigi" attentamente, con una commissione convocata ad hoc appena possibile

Le opposizioni in consiglio comunale vogliono analizzare il “dossier Dionigi” attentamente, con una commissione convocata ad hoc appena possibile, carte alla mano. E' la richiesta che proviene, all'unisono, dai gruppi consigliari di M5S, Cesena Siamo Noi e Libera Cesena. I tre gruppi politici, tutti quelli che rappresentano le minoranze nella massima assise cittadina, chiedono quindi documentazione e approfondimenti sul presunto “conflitto di interessi” dell'assessore Tommaso Dionigi, oggetto di un articolato affondo di Davide Fabbri, ex consigliere comunale e attivo blogger su Facebook (qui la questione spiegata nei dettagli).

A Dionigi, va detto, non si contesta più di tanto la legalità del suo doppio ruolo di imprenditore e assessore, quanto invece una questione di opportunità: le sue aziende, infatti, operano nello stesso settore di CesenaLab, l'incubatore di imprese giovani e hi-tech in cui Dionigi opera come amministratore pubblico. Scrive Fabbri: “L'assessore del Comune di Cesena Tommaso Dionigi e il coordinatore del Campus cesenate dell'Università di Bologna Luciano Margara fanno anche gli imprenditori, fanno affari insieme in settori da conflitto d'interesse. Tommaso Dionigi e Luciano Margara sono insieme in ben tre società: la LAB51, la LMTD e la FoodStation srl. Quest'ultima è nata per operare nel campo della commercializzazione di beni nel settore alimentare, utilizzando soprattutto strumenti informatici ed opera anche a Cesena”.

Nel mirino anche la struttura di CesenaLab, che non essendo una società con veste giuridica di fatto non ha alcun obbligo di trasparenza dei bilanci, pur ricevendo ingenti finanziamenti che superano il milione di euro l'anno. Da parte sua il sindaco Paolo Lucchi ricorda che l'assessore Dionigi “non riceve finanziamenti pubblici e non utilizza la struttura di Cesenalab”. Tutta una partita che ora – con sfumature diverse – tutti i gruppi di opposizione chiedono di analizzare formalmente in consiglio comunale, con una conferenza stampa che si è tenuta domenica mattina, come riportato sulla stampa locale di lunedì mattina. Alcuni gruppi già indicano una richiesta di dimissioni per l'assessore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento