Prima campanella per oltre 17mila studenti cesenati: "La scuola è terra di scoperte"

Lunedì suona infatti la prima campanella dell'anno scolastico 2018-2019

Vacanze estive concluse. Per i 17.907 studenti di Cesena è arrivato il momento di tornare sui banchi. Lunedì suona infatti la prima campanella dell'anno scolastico 2018-2019. Il sindaco Paolo Lucchi e l'assessore alla Scuola Simona Benedetti augurano agli alunni "di poter vivere la scuola anche come il luogo della soddisfazione personale, dell’amicizia vera, della conquista di quell’autonomia cui tanto aspirate. La scuola, per fortuna, è fatta soprattutto di piccole scoperte e conquiste, quasi sempre bellissime".

"Immaginiamo bene che per voi tutti, sebbene in maniera un pochino diversa per ognuno, il primo giorno di un nuovo anno scolastico costituisca qualcosa di importante: emozione, preoccupazione, attesa, desiderio, sconforto - continuano gli amministratori -. Forse tante cose insieme, accompagnate sicuramente dalla curiosità di capire come potrà essere il nuovo anno, dalla speranza che tutto vada per il meglio e dalla voglia di incontrare i vostri compagni, vecchi o nuovi che siano. Anche noi, come certamente avranno fatto in queste ore i vostri familiari, non possiamo che dirvi che l’andamento del vostro percorso scolastico dipenderà in buona, anzi buonissima parte, innanzitutto da voi. Dall’impegno che ci metterete e dalla fatica che, inevitabilmente, deciderete di sostenere".

A Cesena, ricordano Lucchi e Benedetti, sono 17.907 gli "sguardi aperti sul mondo che verrà". "E’ il vostro mondo, quello che, forse ancora inconsapevolmente, vi apprestate, crescendo piano piano, a costruire e determinare. Siete la speranza ed il futuro di questa città e di questo paese - evidenziano -. Per questo, da lunedì mattina, inizierete di nuovo a camminare  verso l’età adulta: fatelo senza tentennamenti, senza condizionamenti, senza mediazioni. Ma fatelo con onestà e sincerità verso voi stessi e verso chi vi sta accanto. Fermi nei vostri propositi, forti di fronte alle difficoltà che incontrerete, capaci di chiedere aiuto e soprattutto di offrirlo".

"Studiate, leggete, domandate - è il consiglio del sindaco e dell'assessore -. Nulla più del sapere vi servirà per raggiungere i vostri obiettivi". Sono 910 i piccoli cesenati che inizieranno la scuola primaria. Lucchi e Benedetti lo evidenziano come "un grande passo, un cambiamento importante ed emozionante a cui pensiamo con vicinanza ed affetto.  Sappiamo che tanto impegno competete anche a noi, che la scuola ha bisogno di investimenti e di innovazione. Siamo pronti a fare la nostra parte come lo sono anche i dirigenti, gli insegnanti e il personale scolastico della città: sono impegnati e capaci, in grado di realizzare i miglioramenti organizzativi dentro alle scuole, ma anche di accompagnare da vicino ogni studente".

2Il Comune sarà in prima linea accanto a loro per garantire i servizi necessari: trasporti, mense, pre e post scuola, prolungamenti pomeridiani e manutenzioni. Ma anche tanti altri progetti realizzati insieme per la prevenzione e la formazione attraverso il Centro di Documentazione Educativa comunale “G. Zavalloni” - concludono -. Saremo sempre in prima linea per assicurare a voi tutti uguali diritti e pari opportunità, perché le nostre siano sempre scuole aperte, inclusive e sicure".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento