Alloggi invenduti, il sindaco risponde al Pri: "Il tavolo? Un'idea intelligente ed utile"

Il sindaco Paolo Lucchi interviene così sulle osservazioni fatte dall'edera in merito alle problematiche che stanno investendo il settore dell'edilizia

"Accendendo i fari sulla grande quantità di alloggi nuovi invenduti della nostra città, il Pri ha compiuto un'opera meritevole". Il sindaco Paolo Lucchi interviene così sulle osservazioni presentate dall'edera in merito alle problematiche che stanno investendo il settore dell'edilizia. "Il problema - spiega il primo cittadino - è infatti noto a tutti e pesa come una sorta di "pietra al collo" sia per le sopravvissute imprese di costruzione che, soprattutto, per il nostro sistema bancario. Certamente la scelta del Comune di attivare tra i primi in Italia una politica urbanistica collegata al "consumo zero" di territorio, ha anche favorito una maggiore competitività di molti degli immobili invenduti, ma non in una dimensione tale da poter rilanciare un settore per troppi anni caratterizzato dalla volontà di costruzione continua e spesso scollegata dalle esigenze reali del mercato e dei cesenati".

"Ma i repubblicani hanno ragione - continua Lucchi -. Da un lato servirà fare il possibile per sostenere le imprese cesenati del settore edile, anche attraverso una politica di grandi opere pubbliche che le possa direttamente coinvolgere; dall'altro il tema degli alloggi invenduti dovrà essere affrontato prima di tutto in rapporto con il nostro sistema creditizio locale. Quanto alla prima considerazione, mi permetto di far notare come la solidità finanziaria del nostro Comune ci abbia consentito di mettere in campo ingenti risorse, utili a garantire in questo momento (tra cantieri già operativi e cantieri avviabili in breve tempo) opere pubbliche per circa 50 milioni di euro. E nei prossimi anni questa attività si incrementerà ulteriormente con l'avvio di grandi opere (il Nuovo Ospedale, il Quartiere Novello, l'intervento sulle tre piazze e sulla Biblioteca  Malatestiana) che garantiranno un impegno economico complessivamente bèn più rilevante".

"Quanto alla proposta del "Tavolo" per darsi una strategia comune sugli alloggi invenduti, si tratta di un'idea intelligente ed utile - evidenzia il primo cittadino -. Sarà possibile metterlo all'opera garantendo una strategia comune tra istituti di credito, protagonisti del settore immobiliare, Associazioni d'impresa, sindacati dei lavoratori (che è indispensabile coinvolgere per molti motivi, a partire dalla necessità di garantire "buona occupazione", in un settore edile che deve sempre essere caratterizzato dal rispetto delle sicurezze), non appena il nostro sistema creditizio avrà ritrovato definitivamente quell'equilibrio che, purtroppo, in questi anni è mancato nel nostro territorio. Ma, poiché grazie all'intervento sulla Cassa di Risparmio, il ritorno all'equilibrio del sistema pare non essere più solo un sogno, ritengo che a breve la proposta dei Repubblicani cesenati potrà trovare la sua concretizzazione. Quando e se vorranno, naturalmente, sarà possibile confrontarci, anche grazie alla presenza degli assessori all'urbanistica Orazio Moretti ed allo sviluppo economico Lorenzo Zammarchi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento