rotate-mobile
Martedì, 29 Novembre 2022
Economia Centro  / Via Tiberti

20 anni fa andava in 'pensione' la lira, a Cesena arriva il presidente dell'Abi per un bilancio sull'Euro: "Siamo a metà del guado"

“Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli, pochi giorni prima della sua morte, ha definito l’Euro un simbolo di pace e integrazione, la realizzazione di una visione politico-storica, di un continente unito con una moneta unica per il mercato unico”

Il presidente dell’Associazione bancaria italiana, Antonio Patuelli, sarà a Cesena lunedì 17 ottobre per tracciare un bilancio dell’Euro a vent’anni dall’introduzione in contanti della nuova moneta. Lo affiancherà Roberto Pinza, già viceministro al Tesoro ed economia e presidente del Comitato Euro nei governi Prodi e D’Alema. L’incontro, in programma alle 17,30 nella sala Dradi Maraldi di Crédit Agricole e Fondazione Carisp (via Tiberti 5, Cesena), sarà introdotto da Damiano Zoffoli, presidente dell’associazione Benigno Zaccagnini, organizzatrice dell’evento. Interverranno anche Bruno Piraccini (presidente di Orogel) e Francesco Berti (amministratore delegato Gruppo Amadori).

“Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli, pochi giorni prima della sua morte, ha definito l’Euro un simbolo di pace e integrazione, la realizzazione di una visione politico-storica, di un continente unito con una moneta unica per il mercato unico” commenta Damiano Zoffoli. Il presidente della Zaccagnini spiega perché l’associazione ha voluto organizzare questo evento: “Una riflessione, dopo vent’anni ci può aiutare ad individuare con maggiore chiarezza le prospettive future. Forse non tutte le aspettative sono state soddisfatte, non tutti i problemi affrontati e risolti, ma tutti abbiamo coscienza che senza l’Euro, i paesi dell’Europa e l’Europa stessa, sarebbero oggi più deboli, più divisi, più vulnerabili”.

Dal 1° gennaio 1999, per i primi tre anni solo nelle transazioni senza contanti, i paesi dell’Unione europea hanno adottato l’Euro come moneta comune. Il passaggio dalle monete nazionali è avvenuto in maniera graduale in tutti i paesi (originariamente 12) pronti a recepire i regolamenti delle istituzioni comunitarie. In Italia la complessa fase di introduzione è stata presieduta dal presidente del Consiglio Romano Prodi, dal ministro del Tesoro Carlo Azeglio Ciampi e dall’onorevole Roberto Pinza quale presidente del Comitato di indirizzo e coordinamento. Dal 1° gennaio 2002 e per alcuni mesi l’Euro ha affiancato la Lira per i prezzi di acquisto e vendita dei prodotti, che venivano espressi nelle due unità, mentre dal 1° marzo 2002 l’Euro è diventato la moneta nazionale dello Stato italiano, sostituendo definitivamente la Lira.

Da allora sono passati venti anni e questo periodo consente di tracciare oggi un primo bilancio del complesso processo di unificazione economica, monetaria e anche politica dell’Europa, che interessa la maggior parte dei paesi dell’Europa occidentale e anche numerosi di quella orientale, coinvolti in uno dei più ambiziosi progetti della storia moderna e contemporanea.

“Riflettere sull’Euro è anche ragionare del futuro dell’Europa. Il processo di integrazione oggi non è ultimato, siamo a metà del guado – conclude Damiano Zoffoli -. Bisognerà ragionare anche di come armonizzare le politiche economiche e fiscali in un continente, quello europeo, sempre più anziano ma che con appena il 6 per cento della popolazione mondiale produce il 20 per cento della ricchezza complessiva. L’Europa deve aggiornare le sue istituzioni e i suoi trattati per progredire. Procediamo all’integrazione europea con pragmatismo, come ha sottolineato anche di recente il presidente del Consiglio Mario Draghi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

20 anni fa andava in 'pensione' la lira, a Cesena arriva il presidente dell'Abi per un bilancio sull'Euro: "Siamo a metà del guado"

CesenaToday è in caricamento