rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Economia Bagno di Romagna

Recupero dell'evasione tributaria, progetto del Comune di Bagno

L’Amministrazione comunale di Bagno di Romagna ha dato avvio ad un progetto per la costituzione di una banca dati relativa a tutte le imposte di tipo immobiliare e parallelamente ha avviato una verifica sullo stato della regolarità contributiva per le annualità 2010 – 2014.

L’Amministrazione comunale di Bagno di Romagna ha dato avvio ad un progetto per la costituzione di una banca dati relativa a tutte le imposte di tipo immobiliare e parallelamente ha avviato una verifica sullo stato della regolarità contributiva per le annualità 2010 – 2014.

“La necessità di effettuare una verifica puntuale sulla regolarità contributiva circa le imposte di tipo immobiliare – dichiara il Sindaco Marco Baccini – è emersa dall’analisi dei bilanci comunali degli ultimi anni, dalla quale si è potuto constatare la presenza di una evasione tributaria stimabile in € 380.000,00”.

“A fronte di un fenomeno di tale consistenza, abbiamo ritenuto necessario e non rinviabile avviare verifiche incrociate relative a tutti i beni immobiliari presenti nel Comune, al fine di costituire una banca dati delle imposte di tipo immobiliare che permetta, da una parte, di poter fare affidamento su stime affidabili sulle previsioni di incasso da inserire nei bilanci previsionali e, dall’altra, di procedere al recupero dell’evasione tributaria”.

“Per realizzare questa operazione, abbiamo siglato un accordo con la società Engineering S.p.a., che in questi giorni procederà agli accertamenti ed inizierà ad inviare gli avvisi. Le verifiche riguarderanno le entrate di tipo immobiliare relative alle annualità 2010-2014, per i seguenti tributi: ICI, IMU, TASI, TARI, TARES. Al fine di rappresentare le modalità con le quali si procederà alle verifiche ed al recupero dell’evasione, è convocato un incontro formativo per lunedì 14 dicembre 2015, alle ore 17.00, presso la Sala Consiliare del Comune in Piazza Martiri n. 1 a San Piero in Bagno.

“In considerazione dell’avvio degli accertamenti, invitiamo tutti i cittadini a farsi parte attiva nel verificare la propria regolarità contributiva e regolarizzare eventuali mancati pagamenti così da evitare le sanzioni connesse all’accertamento dell’evasione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recupero dell'evasione tributaria, progetto del Comune di Bagno

CesenaToday è in caricamento