Cittadini vessati, gli operatori telefonici restituiscono 2 milioni

Le richieste di conciliazione ricevute nel 2011 sono state 4.072, in crescita di oltre il 20% rispetto al 2010. Dopo Bologna è Forlì-Cesena la provincia che fa più ricorsi

Oltre 4 mila richieste di conciliazione nel 2011 (+20% rispetto all’anno precedente), avanzate in gran parte da singoli cittadini (36%) e, in due casi su cinque, per errate fatturazioni da parte degli operatori di telecomunicazioni (soprattutto gestori telefonici). Per un risultato in termini economici, al termine di 3.500 udienze con le parti, di cui l'80% con esito positivo, di quasi 2 milioni di euro ritornati nelle mani dei cittadini dell’Emilia-Romagna, con un importo medio per utente di 311,95 euro (8.998 l’importo massimo riconosciuto).

 

Agli operatori telefonici sono invece stati riconosciuti 144.884 euro. E’, in pillole, il resoconto dell’attività di conciliazione svolta l’anno passato dal Corecom (Comitato regionale per le comunicazioni) dell’Emilia-Romagna. Argomento, quello delle conciliazioni delle controversie fra utenti e operatori delle telecomunicazioni, al centro oggi di un incontro fra il Corecom stesso e le associazioni dei consumatori e gli studi legali.

L’iniziativa fa parte del programma di incontri periodici con gli operatori dei servizi di comunicazione elettronica e le associazioni previsto dal piano di attività 2012 del Corecom per migliorare la qualità dei servizi e il rapporto con gli utenti.

Tra i temi del faccia a faccia, l’analisi di alcune novità nella procedura di conciliazione, introdotte dal regolamento adottato a dicembre 2011 dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom), la presentazione dei dati sull’attività di conciliazione riferiti al 2011 e di un progetto per l’attivazione di servizi interattivi per semplificare la gestione delle attività di conciliazione e favorirne l’accesso da parte dei cittadini.

L’incontro è stato aperto dal vice presidente del Corecom, Giuseppe Bettini, che ha ricordato come la conciliazione sia uno dei servizi di punta del Corecom, molto apprezzato per la sua capacità di offrire una risposta concreta, in tempi rapidi e senza costi diretti, alle domande di giustizia avanzate dagli utenti. Bettini ha poi presentato i dati salienti dell’attività di conciliazione svolta nel 2011.

Le richieste di conciliazione ricevute nel 2011 sono state 4.072, in crescita di oltre il 20% rispetto al 2010. Le udienze di conciliazione sono state invece oltre 3.500, di cui circa l’80% concluse con esito positivo (66% le udienze chiuse con un accordo tra le parti in udienza). 

L’attività di conciliazione svolta dal Corecom ha consentito di “restituire” ai cittadini dell’Emilia-Romagna somme per quasi due milioni di euro (1.096.500 euro per indennizzi e 897.220 euro per storno fatture), con un importo medio per utente di 311,95 euro. L’indennizzo più alto riconosciuto ad un singolo utente è stato di 8.998 euro. Agli operatori telefonici sono stati invece riconosciuti indennizzi per 144.884 euro.

I problemi più ricorrenti denunciati dai cittadini sono le errate fatturazioni (oltre il 20%), il mancato rispetto dei

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


In chiusura dell’incontro, la dirigente del Servizio Corecom, Primarosa Fini, ha presentato la piattaforma informatizzata – realizzata interamente con professionalità interne al servizio - per la gestione dei procedimenti di conciliazione e il monitoraggio dei dati di attività. La piattaforma, basata su una banca dati condivisa da tutti i collaboratori del servizio ed accessibile via web, consente la gestione automatica di alcune fasi ripetitive del procedimento di conciliazione e il monitoraggio in tempo reale dello stato di avanzamento delle pratiche, con possibilità di fornire al cittadino un immediato riscontro. Grazie a queste funzionalità, i tempi per la conclusione del procedimento sono oggi molto più rapidi e il cittadino può sapere, entro 20 giorni dalla presentazione della richiesta, quando si svolgerà l’udienza. “La piattaforma– ha sottolineato Fini– ha ancora ampi margini di sviluppo, legati all’attivazione di servizi interattivi e applicazioni web per semplificare gli adempimenti a carico dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento