Sostegno costante a disabili e famiglie, il progetto sul coaching familiare diventa un libro

Il libro presenta il progetto nato dalla collaborazione fra l’Unione dei Comuni della Valle del Savio e del Rubicone e la cooperativa sociale "Il Mandorlo"

Pietro Berti e Serena Cartocci

Verrà presentato lunedì il libro "Una vita "dopo di noi" – La vita autonoma e adulta delle persone con disabilità", scritto da Pietro Berti e Serena Cartocci ed edito da Vie (Vittoria Iguazu Editora). L’incontro si svolgerà alle 18.30 alla Libreria Ubik in Piazza del Popolo, in occasione della Giornata Mondiale delle Persone con Disabilità.

"Si parlerà di “Dopo di Noi”,. spiega la cooperativa sociale il Mandorlo - partendo dall’esperienza degli autori che dal 2011 incontrano famiglie di persone con disabilità e insieme a loro pianificano autonomie, esperienze e stili di vita. Il libro presenta il progetto nato dalla collaborazione fra l’Unione dei Comuni della Valle del Savio e del Rubicone e Il Mandorlo, nelle persone di Pietro Berti e Serena Cartocci, pionieri della metodologia del Coach familiare". Saranno presenti all’incontro l’autore Pietro Berti, psicologo e ideatore del metodo, Serena Cartocci, psicologa e psicoterapeuta co-sviluppatrice del metodo, e Luana Grilli, Presidente de Il Mandorlo che del libro ha scritto la prefazione.

Cos'è il coach familiare

Il Coach Familiare affianca la persona con disabilità e i suoi familiari partecipando alla vita domestica, “immergendosi a quattro mani” nelle difficoltà quotidiane della famiglia e coinvolgendola in un percorso che promuove l’autonomia della persona disabile, migliorandone la qualità della vita insieme a quella dei suoi cari.
Alla fine del 2018 saranno 49 i percorsi effettuati insieme a famiglie del territorio, quasi tutte fortemente pressate dall’interrogativo del “dopo di noi”; l’incognita di chi si prenderà cura del figlio disabile quando i genitori non potranno più occuparsene, e che tocca tutti i familiari di persone con disabilità.
Dopo il debutto a Cesena, si parlerà di Coach Familiare anche in occasione del diciannovesimo Happening della Solidarietà, rivolto a tutti gli operatori del Terzo Settore, che si svolgerà a Catania l’11 e 12 dicembre, e in altre occasioni in vista dell’avvio del corso di formazione.

Il Coaching familiare

Il progetto nasce e matura a Cesena e si configura come metodo di lavoro innovativo mirato all’empowerment delle persone con disabilità e delle loro famiglie. Si tratta di un punto di vista radicalmente diverso, che anziché concentrarsi sul singolo individuo abbraccia la persona insieme al suo contesto. L’interrogativo del “dopo di noi" diventa più leggero quando le persone sono inserite in un contesto familiare sereno e aperto all’evoluzione e in una rete sociale su cui poter contare.Il corso di formazione

Il corso di formazione

I coach oggi attivi hanno seguito un percorso formativo specifico, del quale sta per partire la seconda edizione; l’attività portata avanti finora ha evidenziato infatti come la figura del Coach Familiare possa fare la differenza nella vita delle persone con disabilità e delle loro famiglie; c’è bisogno quindi di nuovi coach. Gli interessati a iscriversi al corso possono richiedere informazioni alla mail coachfamiliare@gmail.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Terremoto avvertito nel cuore della notte: epicentro nella pianura forlivese

Torna su
CesenaToday è in caricamento