Mercato Saraceno, al via i lavori alla scuola Zappi: "Il Comune non è rimasto inoperoso"

L'assessore e vice sindaco Luciano Casali parla del progetto della scuola Zappi, che vede finalmente al via i lavori

Già da qualche giorno sono iniziate le operazioni di avvio del cantiere alla scuola media di Mercato Saraceno. L'assessore e vice sindaco Luciano Casali parla del progetto della scuola Zappi, che vede finalmente al via i lavori. "Come ormai tutti sapranno si tratta di importanti lavori di ristrutturazione che prevedono l’adeguamento sismico, il miglioramento energetico e l’abbattimento delle barriere architettoniche esistenti - afferma Casali -. Ci rendiamo conto che con lo spostamento degli studenti dalla sede principale possano essere insorti alcuni problemi organizzativi o disagi verso le famiglie e il personale scolastico. Ma ci preme sottolineare, a proposito, alcuni aspetti importanti sull'iter ed i passaggi che nel frattempo sono stati fatti".

"Il procedimento di affidamento dei lavori, per un cantiere così importante e un costo di grande rilievo (oltre 1,4 milioni di euro) è stato lungo e  complicato, curato in ogni suo dettaglio dalla stazione unica appaltante dell'Unione e dalla Amministrazione comunale - prosegue Casali -. Come amministrazione abbiamo preferito non procedere alla consegna dei lavori sotto riserva, in attesa della formalizzazione del contratto, in quanto c'è stato, da parte di una delle ditte partecipanti, non un ricorso ma una richiesta di accesso agli atti. Questa azione, totalmente legittima per quanto riguarda la trasparenza degli appalti, non ostacola l'inizio lavori ma ne rallenta di certo la procedura, poiché può preludere ad un vero e proprio ricorso, con tutte le conseguenze del caso. Ci siamo dunque preoccupati di scongiurare totalmente il pericolo di subire un'interruzione contrattuale una volta avviati i lavori. Ora non vi sono più i tempi tecnici per un eventuale ricorso; ora si può affermare che il contratto firmato con l'impresa il 10 maggio scorso è sostanzialmente blindato".

"In ogni caso il comune non è rimasto inoperoso e ha utilizzato il tempo trascorso dallo spostamento degli studenti fino all'accantieramento attuale, portando avanti una serie di azioni  e accorgimenti che poi faciliteranno lo svolgimento cantiere - conclude -. A scuola vuota, l'impresa aggiudicatrice, pur in assenza di contratto, ha potuto effettuare ulteriori e più approfonditi sopralluoghi sull'edificio, e procedere all'esecuzione di sondaggi che sarebbero stati incompatibili con la presenza degli studenti  e lo svolgimento delle attività scolastiche. Tali operazioni sono servite per perfezionare le modalità operative di interventi da parte delle ditte esecutrici che quindi procederanno in termini più spediti e sicuri. Ci premeva quindi iniziare con tutti gli accorgimenti necessari, per procedere a grandi passi verso la piena realizzazione del progetto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento