Quasi 2mila persone ossessionate da videopoker e slot machines

Anche a Cesena la dipendenza patologica al gioco d’azzardo sta diventando un fenomeno preoccupante. Si stima che in città il numero di giocatori patologici oscilli fra 700 e 2000.

Anche a Cesena la dipendenza patologica al gioco d’azzardo sta diventando un fenomeno preoccupante. Nel giro di pochi anni il Servizio Tossicodipendenze dell’AUSL di Cesena ha visto più che triplicare il numero di persone seguite per problemi correlati a patologie da gioco: nel 2008 erano 13, nel 2011 sono state 33, nel primo semestre del 2012 sono già una quarantina. Più in generale si stima – sulla base delle statistiche nazionali – che nella nostra città il numero di giocatori patologici oscilli fra 700 e 2000.

D’altro canto, nel giro degli ultimi anni è enormemente aumentata l’offerta in questo campo, favorita anche da alcune modifiche introdotte nella disciplina: ad esempio, nell’intento di contrastare il fenomeno del gioco clandestino  è stata legalizzata una tipologia di apparecchi in precedenza vietata, che consente piccole vincite in denaro (erogate direttamente dalla macchina), innescandone la diffusione.
Per quanto riguarda il territorio comunale di Cesena, attualmente sono presenti 35 sale da gioco autorizzate, e di queste 9 hanno un permesso specifico all’utilizzo di questi videoterminali, per un totale di 550 apparecchi. Ma si ritiene che il loro numero sia destinato a crescere, visto che le autorizzazioni di questo tipo sono tutte molto recenti (rilasciate tra il 2010 e il 2012) e quindi è possibile che gli investimenti privati su tali sale non sia ancora completamente concluso.
 
“Nulla in contrario verso queste attività in quanto tali, e tanto meno verso chi sogna un colpo di fortuna acquistando ogni tanto un ‘gratta e vinci’ – dichiarano il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi e l’Assessore alle Politiche per il benessere dei cittadini Simona Benedetti –. Il problema si pone quando chi gioca non riesce a frenarsi, e il gioco diventa una vera e propria malattia, che provoca molta sofferenza e danni enormi da un punto di vista sociale ed economico. Per questo abbiamo ritenuto importante avviare una riflessione profonda su questo problema, a partire dal consiglio comunale, in modo da poter definire strategie e interventi che ci rendano tutti più coscienti dei rischi”.
 
In questa direzione si muove la delibera che il Consiglio Comunale sarà chiamato a discutere prossimamente e che definisce le linee guida di un progetto volto a diffondere una maggiore consapevolezza tra la popolazione riguardo i rischi legati al gioco d’azzardo.
Si tratta di un progetto organico che si propone di attivare collaborazioni e stimolare sinergie con associazioni di categoria, scuole, soggetti privati e famiglie. Gli obiettivi principali del progetto – che vedrà anche il coinvolgimento del Sert e dell’Ausl - sono l’avvio di un’azione di promozione per un utilizzo moderato e consapevole di slot-machine e altri giochi popolari - come gratta e vinci, scommesse sportive, giochi su internet - rivolta soprattutto alle categorie a rischio dipendenza e ai giovani; un’azione di prevenzione volta a identificare per tempo il sorgere di una dipendenza patologica o di “gioco problematico”, favorendo il contatto con servizi d’assistenza specialistica e associazioni a sostegno dei singoli e delle famiglie; la collaborazione con i soggetti operanti nel settore, come sale da gioco, bar e locali notturni, volta a stimolare il riconoscimento da parte loro delle problematiche e delle patologie legate al gioco; e infine, l’introduzione di una regolamentazione volta a limitare l’accesso agli apparecchi da gioco e a scoraggiarne l’utilizzo, soprattutto da parte dei soggetti socialmente più fragili e psicologicamente più deboli.
 
Questa iniziativa fa tesoro dell’esperienza maturata a livello locale con il progetto di prevenzione del consumo e abuso di droghe denominato “Notti Sicure”, che per oltre 10 anni ha rafforzato le sinergie tra i diversi settori della società civile, per garantire una maggiore sicurezza dei divertimenti notturni. Un modello che ha coinvolto soggetti operanti nel settore della ristorazione e del divertimento in prassi concrete di responsabilizzazione sociale e che ha portato alla condivisione di servizi e di interventi preventivi come ad esempio l’adozione, da parte dei gestori di locali, del decalogo di auto responsabilizzazione del bere senza rischi.
 
“Le due azioni principali di questo progetto – sottolineano il Sindaco Lucchi e l’Assessore Benedetti – sono la prevenzione attraverso un programma di sensibilizzazione che renda più consapevoli i cittadini riguardo i rischi legati al gioco d’azzardo e la cura attraverso percorsi di assistenza di tipo terapeutico rivolti ai giocatori affetti da dipendenza, al fine di mettere in sicurezza loro e le famiglie toccate direttamente  da queste problematiche. Noi vogliamo creare un anello di congiunzione tra cura e prevenzione attivando collaborazioni di vario tipo con soggetti provenienti dal mondo delle associazioni, della scuola e delle imprese, ma anche collaborando direttamente con i locali da gioco dove sorgono comportamenti disfunzionali e autodistruttivi. E crediamo fondamentale aprire su questi temi un confronto ‘politico’ inteso nel senso più largo di apertura alla ‘polis’, vale a dire tutti noi”
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento