menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Opere pubbliche scelte dai cittadini con "Carta bianca", espresse già 500 preferenze

"Siamo solo alle battute iniziali - sottolineano il sindaco Paolo Lucchi e l'assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi - e da qui al 3 dicembre tutto può accadere"

Quasi 500 voti raccolti solo nei primi cinque giorni: è alta la risposta dei cesenati all’invito dell’amministrazione di esprimere il loro parere scegliendo quali opere realizzare fra le 39 proposte dai cittadini e presentate nell’edizione di Carta Bianca svoltasi sabato scorso. E c’è un progetto già ‘in fuga’: si tratta della proposta di realizzare un’area verde a Pioppa, nel quartiere Cervese Nord, che finora ha raccolto ben 118 preferenze. Al secondo posto  la realizzazione di una pensilina in via Medri a Gattolino (sempre nel quartiere Cervese Nord), per proteggere  gli alunni della locale scuola elementare in attesa del bus. Conquista la terza piazza – assolutamente provvisoria – l’intervento richiesto per la costruzione di una pensilina a protezione della fermata bus utilizzata dagli allievi della scuola di Ronta (nel quartiere Ravennate), che finora ha raccolto 26 voti. Fuori da questo podio ideale, per un’incollatura, il ponticello pedonale sul Cesuola per il collegamento delle due aree verdi di via Don Sturzo e via Dossetti (25 voti). 

“Siamo solo alle battute iniziali – sottolineano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi – e da qui al 3 dicembre tutto può accadere. Ma siamo felici che già in questi primi giorni tanti cittadini abbiamo deciso di partecipare esprimendo la loro preferenza. Ad attestarlo non solo gli oltre 400 voti arrivati finora, ma anche la richiesta, giunta da tutti i quartieri, per una nuova fornitura di schede. Ricordiamo, infatti, che per votare si può scegliere fra la modalità informatica (collegandosi al sito Cesenadialoga) o quella più tradizionale delle schede di carta, che si possono trovare sia nelle sedi di quartiere sia allo Sportello Facile del Comune, dove sono collocate anche le urne per la raccolta dei voti. Auspichiamo che tanti altri cittadini vogliano dare il loro contributo e che fra loro ci siano anche tanti giovani: ricordiamo, infatti, che per la prima volta possono esprimere il loro parere anche i ragazzi a partire dai 14 anni”.

Alla luce di questi primissimi risultati, il quartiere Cervese Nord si conferma il più attivo. Non a caso è anche quello per il quale si registra il maggior numero di progetti proposti e ammessi al voto perché valutati fattibili (in tutto sono otto), per un importo complessivo di 221mila euro. All’interno del pacchetto, fra i più cospicui, almeno da un punto di vista economico, c’è proprio quello relativo all’allestimento dell’area verde attrezzata a Pioppa, per il quale è stimato un costo di circa 50mila euro. L’intervento prevede l’installazione di alcuni giochi (altalene, gioco a molla, torre), alcune panchine e cestoni per i rifiuti.

Analoga la spesa preventivata anche per la predisposizione di una segnaletica ad hoc, volta a valorizzare la Centuriazione romana. Proseguendo nell’elenco dei progetti proposti per questo quartiere, si trova la richiesta di installare a Villa Calabra una casa dell’acqua simile a quelle già presenti sul lungofiume, a Case Finali e a San Giorgio: il preventivo di spesa ammonta a circa 37mila euro, che però potrebbe ridursi sensibilmente se anche per questa -  come già avvenuto per le altre – si riuscirà a coinvolgere nel progetto Hera e Romagna Acque.

E ancora: 30mila euro è la somma indicata per eseguire la sistemazione della banchina del tratto di via San Giorgio compreso fra via Parataglio e via Campana mentre ammonta a 20mila euro la cifra calcolata per la costruzione della tettoia in via Medri. La stessa cifra di 20mila euro è quella prevista per la messa in sicurezza di un tratto di percorso ciclopedonale a Pioppa. Fra i desiderata indicati c’è anche la richiesta di recintare il ‘Giardino dei ciliegi’ a San Giorgio e l’area verde di Bagnile posta all’incrocio fra via Rovescio e via Pisignano; per l’installazione delle staccionate la spesa complessiva si aggira sui 12mila euro circa. Completa il quadro la proposta di installare barriere parapedonali a protezione del marciapiede di fronte alla chiesa di San Giorgio, per un importo stimato di circa 2mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Casa

Come eliminare l'odore del fumo in casa? Ecco tutti i segreti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento