rotate-mobile
Cronaca

Porte aperte per l'atelier del maestro Leonardo Lucchi. Ma in campo anche le "donne coraggio"

“È un’occasione – ha detto l’artista – per rinnovare l’incontro con la città. Apro così le porte del mio atelier anche per mostrare e spiegare la ricerca che si cela in un’opera d’arte”

Porte aperte nell’atelier di Leonardo Lucchi in Piazza del Popolo. Fino all’Epifania lo studio del Maestro Lucchi sarà aperto al pubblico tutti i giorni anche nei festivi per poter osservare l’artista all’opera e una sua mostra personale. Consta di circa 40 opere di diverse dimensioni e fatture: dal bronzo all’oro.

“È un’occasione – ha detto l’artista – per rinnovare l’incontro con la città. Apro così le porte del mio atelier anche per mostrare e spiegare la ricerca che si cela in un’opera d’arte”.

All’interno della mostra è possibile vedere numerosi video realizzati da Metters Studio Films con la regia di Matteo Medri che mostrano le fasi che portano alla creazione dell’opera compiuta; dall’argilla che prende forma fino alla fonderia. “Questa full immersion nei video – commenta Matteo Medri -  permette di capire il lavoro che si cela dietro la realizzazione di un’opera, quante sono le fasi di lavorazione e quante persone sono al lavoro per uno scopo comune: la rappresentazione della bellezza senza tempo”.

In mostra ci sono anche le prime opere di Lucchi dalle quali non si è mai separato perché parte del proprio percorso artistico. La mostra, che è a ingresso libero, è stata anticipata da una serata di gala alla quale hanno partecipato ospiti del tessuto artistico cittadino. Tra questi, oltre a Lucchi e al regista Medri che ha documentato l’evento, anche Campomaggi e Caterina Lucchi, Giacomo Garaffoni (premio miglior nuovo autore dell’anno alla biennale di Venezia), il cantante Said. Ha portato il saluto dell’amministrazione l’assessore Carlo Verona. Per l’occasione è stata allestita una proiezione sulla facciata della Rocca che mostra le fasi di lavorazione dello scultore.

Ma l’evento che si è tenuto questo week end ha anche un altro valore. Quello di mettere in campo alcune giovani donne coraggio che hanno deciso di prendere le redini della propria vita diventando imprenditrici durante questo difficile periodo. L’evento è stato organizzato da Valentina D’Alessandro che ha messo in campo alcuni assi tutti al femminile. Sono Azzurra Gasperini (Azzu chef) che si è occupata del catering, Elena Menghi che ha curato gli allestimenti e la performer Valentina Romeo.

Tornando a Lucchi si segnala che la collezione in mostra a Cesena nei prossimi giorni conterà una nuova opera a grandezza naturale. Continuano le richieste delle opere di Lucchi fuori dalle mura della città Malatestina. Il 5 marzo inaugurerà al castello aragonese di Reggio Calabria una sua personale mentre attualmente è aperta un’altra mostra a Les Sable D’Olonne città della Francia sulla costa atlantica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porte aperte per l'atelier del maestro Leonardo Lucchi. Ma in campo anche le "donne coraggio"

CesenaToday è in caricamento