Pantani, nuove rivelazioni in Commissione antimafia: "Non era solo quando è morto"

Il generale della Guardia di Finanza Rapetto: "Il cadavere fu spostato e c'erano dei sotterranei per accedere al residence"

Un caso quello legato alla morte di Marco Pantani che sembra non finire mai. Nuove rivelazioni arrivano dalla Commissione parlamentare antimafia, davanti alla quale è stato ascoltato il generale della guardia di finanza Umberto Rapetto, che 'riapre' per l'ennesima volta il caso.

Il cadavere di Marco Pantani, trovato senza vita in un residence a Rimini il 14 febbraio 2004, fu "spostato". Lo ha detto Umberto Rapetto, già generale di brigata della Guardia di Finanza, ascoltato in Commissione parlamentare antimafia sulla morte del ciclista. All'albergo dove alloggiava Marco Pantani, trovato senza vita in un residence a Rimini il 14 febbraio 2004, si accedeva non solo attraverso la reception ma anche dal garage. Ha spiegato Rapetto, ascoltato in Commissione parlamentare antimafia sulla morte del ciclista. Quell'albergo, ha sottolineato, era usato "non solo per vacanza, ma anche per passare qualche ora in intimità" e l'accesso era possibile anche dal garage.

"Affianco al corpo c'erano macchie di sangue sul pavimento- ha detto Rapetto - e il segno evidente che il corpo è stato spostato". "Si vede il segno del braccio", ha sottolineato Rapetto secondo il quale dagli esami è emerso che "non si puo pensare che prima di esalare l'ultimo respiro sia stato lui a strisciare il braccio". Per Rapetto è il segno che "qualcuno era con lui quando questo si è verificato". "Pantani la mattina del decesso - ha ricordato Rapetto - chiede più volte di chiamare i carabinieri perché ci stava qualcuno che lo stava disturbando". Qualcuno che, secondo Rapetto, potrebbe essere passato dal garage visto che alla reception nessuno aveva chiesto di lui. L'ex generale di brigata ha ricordato un servizio fatto dalle Iene poco tempo fa dove sono state raccolte anche delle testimonianze. "Nessuno  ricorda nulla e perché non si sia stato dato luogo alla richiesta di aiuto, reiterata e fatta con presumibile insistenza", ha concluso Rapetto.

Il legale della famiglia Pantani: "E' un momento fondamentale per cercare la verità"

"L'audizione di Rapetto davanti alla Commissione antimafia rappresenta un momento molto importante, fondamentale per cercare finalmente, con la giusta determinazione, la verità sulla morte di Marco Pantani". Lo afferma all'Adnkronos l'avvocato Antonio de Rensis, legale della famiglia del ciclista Marco Pantani, a poche ore dall'audizione dell'ex generale di brigata della guardia di finanza, Umberto Rapetto, ascoltato in Commissione parlamentare antimafia sul decesso del 'pirata'. "Riteniamo - osserva l'avvocato - che la Commissione Antimafia saprà ricercare e approfondire i tanti elementi emersi in questi anni, che rendono ormai non più sostenibile la tesi ufficiale sulla morte del campione"."Ringraziamo, unitamente alla famiglia, la Commissione Antimafia per l'impegno che sta dimostrando in questo senso", sottolinea de Rensis. "Riteniamo che la figura del generale Rapetto parli da sola in merito all'attendibilità di quanto da lui affermato", conclude.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento