rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

La lite al parco tra vicini sfociò in un tremendo omicidio, arriva la condanna all'ergastolo

E' arrivato il giorno della sentenza che mette la parola fine, per lo meno in primo grado, ad uno dei fatti più cruenti accaduti a Cesena negli ultimi anni. Di Giacomo condannato all'ergastolo

E' arrivato il giorno della sentenza che mette la parola fine, per lo meno in primo grado, ad uno dei fatti più cruenti accaduti a Cesena negli ultimi anni. Giuseppe Di Giacomo è stato condannato all'ergastolo per l'omicidio delle Vigne. Così ha deciso lunedì pomeriggio la Corte d'Assise del tribunale di Forlì, entro 60 giorni si conosceranno le motivazioni della sentenza che ha condannato l'imputato per omicidio aggravato. Accolta la tesi della procura che ha sempre sostenuto la premeditazione. In mattinata, fino alle 13, ha avuto luogo la discussione finale con il pubblico ministero, la difesa della parte civile e quella dell'imputato che hanno esposto le rispettive conclusioni.

In aula presente il 65enne Di Giacomo, che non ha rilasciato dichiarazioni spontanee, del resto l'imputato già nella scorsa udienza del 27 settembre aveva esposto ai giudici la sua versione dei fatti, cercando di scacciare lo spettro della premeditazione. Il vicino di casa, il 49enne Davide Calbucci, fu raggiunto al culmine di una lite, da una raffica di coltellate all'interno del parco "Fornace Mazzocchi", nel quartiere Vigne. Era la mattina del 19 dicembre del 2020, un giorno che scosse profondamente i residenti del quartiere cesenate.

L'avvocato Antonino Lanza, che difende Di Giacomo, ha già annunciato che farà appello. Nella sua arringa aveva sottolineato l'assenza di premeditazione, cercando di ridimensionare la portata delle liti condominiali, e parlando di "un eccesso di legittima difesa". Una rappresentazione in cui il 65enne si sarebbe difeso dopo che Calbucci per primo gli era andato incontro insultandolo. In aula c'è stato anche un momento molto crudo quando il pubblico ministero ha mostrato il video con il cadavere della vittima e le 34 ferite inferte con il coltello dalla furia di Di Giacomo, che si trova rinchiuso nel carcere di Forlì.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lite al parco tra vicini sfociò in un tremendo omicidio, arriva la condanna all'ergastolo

CesenaToday è in caricamento