rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Cronaca

L'omicidio di Sabrina Blotti diventa una docu-fiction: "Era vittima del possesso"

Tra le location già “occupate” ci sono gli interni dell'agenzia immobiliare Che Casa, il Bar Capitano, la piscina comunale di Cesena. La troupè resterà in città per le riprese indicativamente fino al 3 settembre

Le telecamere di “Amore Criminale”, una trasmissione prodotta da Ruvido Produzioni srl per Rai3, sono in città da giorni per ricostruire l'omicidio di Sabrina Blotti. La donna è stata uccisa a Cesena il 31 maggio 2012 da Gaetano delle Foglie che poi si è sparato al petto dentro al Duomo di Cervia dopo una estenuante trattativa durata ore. Al casting si sono presentate circa 60 attori provenienti in prevalenza da Cesena, da altre città romagnole, ma anche da Bologna e dalla Repubblica di San Marino.

Sono 22 gli attori inseriti nel cast – molti dei quali proprio della città malatestiana - che, con il linguaggio della docu-fiction, riprodurranno le fasi salienti di una vicenda tormentata e con un tragico epilogo che va però riaffrontata proprio per non dimenticare. La parte di Sabrina Blotti sarà interpretata dall'attrice bresciana Laura Mantovi mentre quella di Delle Foglie dal'attore Enrico Firpo di Olbia.

A dirigere gli attori e la troupe la regista Matilde D'Errico. “Ho ideato Amore Criminale nel 2007 - illustra -. Siamo andati in onda con la prima edizione quando in Italia non era ancora stata approvata la legge sullo stalking. Da allora siamo diventati un grande punto di riferimento per molte donne che subiscono violenza e che dopo aver visto le nostre puntate ci scrivono chiedendo aiuto".

Perchè una fiction sull'omicidio? "La vicenda - spiega D'Errico - mi ha colpito perché - come accade a molte donne - è rimasta vittima dell'ossessione di Gaetano Delle Foglie, un uomo accecato dal senso del possesso e che non si rassegnava all'idea che Sabrina non lo volesse. Su questa vicenda sono state dette e scritte molte cose inesatte. Ma Sabrina non ha mai avuto una vera relazione con lui. Era Gaetano che in maniera morbosa non riusciva a farsene una ragione e per questo l'ha uccisa. A Cesena abbiamo avuto un'ottima accoglienza. Anzi approfitto per ringraziare tutti coloro che ci stanno aiutando per le riprese. Un ringraziamento speciale va alla famiglia di Sabrina”.

Tra le location già “occupate” ci sono gli interni dell'agenzia immobiliare Che Casa, il Bar Capitano, la piscina comunale di Cesena. La troupè resterà in città per le riprese indicativamente fino al 3 settembre. Hanno collaborato l'Ausl di Cesena, la Diocesi di Cesena-Sarsina, il museo delle scienze naturali di Cesena, lo Studio di Leonardo Lucchi, il Comune di Cesena, il comune di Cervia, l'Arma dei carabinieri, la polizia di stato, la polizia municipale di Cesena, di Cervia. La puntata in questione andrà in onda in autunno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'omicidio di Sabrina Blotti diventa una docu-fiction: "Era vittima del possesso"

CesenaToday è in caricamento