Cronaca

"No al coprifuoco", quando il malumore si trasforma in vandalismo: la protesta vergata sui muri

Un muro che attira molta attenzione, perché sotto scorre la via Emilia e perché la zona è particolarmente frequentata

C'è qualcuno che non sopporta più dover rientrare a casa entro le 22, non poter vedere amici a casa o non andare a prendere un caffè sedendosi al bar.  E la maniera più plateale per comunicarlo è stato scriverlo su un muro, accanto al ponte dell'ipercoop. Un muro che attira molta attenzione, perché sotto scorre la via Emilia e perché la zona è particolarmente frequentata. E' quello che solitamente un gruppo di tifosi del Cesena lo usa come megafono per sostenere o criticare la squadra.

In questi giorni è spuntata una scritta contro il coprifuoco imposto per arginare gli spostamenti notturni e limitare i contagi da covid. "Il capitalismo è il virus - si legge - no al coprifuoco". Chissà se, quando il prossimo Dpcm, atteso tra qualche giorno, ci ridarà la "libertà", gli anonimi contestatori che hanno sporcato il muro avranno il buon senso di ripulirlo? 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No al coprifuoco", quando il malumore si trasforma in vandalismo: la protesta vergata sui muri

CesenaToday è in caricamento