Iva sulla tariffa rifiuti, contro la tassa sulla tassa lettera al Governo

Dal 2009 paghiamo la "tassa sulla tassa", vale a dire l'Iva sulla tariffa dei rifiuti, ma nessuno tra Hera e Agenzia delle Entrate sembra intenzionato a prendere il toro per le corna è di fatto si continua a pagare. Il presidente della Provincia Massimo Bulbi non ci sta e ha scritto al Governo

Dal 2009 paghiamo la “tassa sulla tassa”, vale a dire l’Iva sulla tariffa dei rifiuti, ma nessuno tra Hera e Agenzia delle Entrate sembra intenzionato a prendere il toro per le corna è di fatto si continua a pagare. Il presidente della Provincia Massimo Bulbi non ci sta e ha scritto al Governo affinché si risolva l’annosa questione.

 

L’applicazione dell’Iva sulle bollette relative alla tariffa di igiene ambientale (TIA) emesse da Hera è il tema dell’interrogazione posta dalla consigliera provinciale PdL Isabella Castagnoli e dal capogruppo PdL  Stefano Gagliardi nel consiglio provinciale di questo pomeriggio.  I due consiglieri ricordano che “con sentenza n. 238 del 24 luglio 2009, la Corte Costituzionale ha definitivamente accertato che l’IVA sulla TIA non va applicata stabilendo in maniera inequivocabile e definitiva che la Tariffa di Igiene Ambientale ha natura tributaria al pari della vecchia TARSU”. Inoltre, “con la recente sentenza n. 3656 dell’8 marzo 2012 la Corte di Cassazione si è espressa confermando anch’essa l’illegittimità dell’applicazione dell’IVA sulla TIA”. Per questo motivo la richiesta è di sapere “cosa è stato fatto dalla Provincia, anche a seguito dell’interpellanza a firma della consigliera Isabella Castagnoli dell’1/10/2009, relativamente alla restituzione degli importi pagati a titolo di IVA sulla TIA; a quanto ammontano, dal luglio 2009 ad oggi, le somme pagate ad HERA per la Tariffa di Igiene Ambientale a titolo di IVA; se è già stata richiesta la restituzione di quanto illegittimamente pagato”.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ha risposto il presidente Massimo Bulbi: “La materia è piuttosto intricata, pur nella sua chiarezza. Avevamo già chiesto nel 2010 di chiedere al gestore Hera di sospendere la richiesta dell’Iva. Hera, tuttavia, spiegava che alla sentenza non avevano fatto seguito delle circolari con disposizioni di natura generale. Anche successivamente ad una seconda sentenza, ho chiesto anche a fronte della situazione di crisi economica, il recupero delle somme pagate dalle famiglie, scrivendo al gestore e al Governo di mettersi d’accordo sull’Iva, anche se questo governo, a differenza di quelli precedenti, sia di destra che di sinistra, risponde raramente alle lettere scritte”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento