menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I carabinieri sorprendono i ladri ancora col piede di porco in mano: due arresti

Quando sono intervenuti i carabinieri avevano ancora il piede di porco in mano, nascosti dietro un'auto rubata e parcheggiata in modo tale da mettersi al riparo da sguardi indiscreti

Quando sono intervenuti i carabinieri avevano ancora il piede di porco in mano, nascosti dietro un’auto rubata e parcheggiata in modo tale da mettersi al riparo da sguardi indiscreti. Li hanno sorpresi così i militari di pattuglia intorno alle 3,30 della notte tra lunedì e martedì, impegnati nelle loro ronde notturne contro i furti. I soggetti, 42 e 24 anni, italiani residenti a Bologna, stavano forzando una macchina automatica erogatrice di sigarette, in corso Cavour, e l’avevano già danneggiata.

Sono stati quindi colti proprio con le mani nella marmellata, esattamente come il ladro arrestato dalla Polizia la notte precedente, sorpreso a rubare dentro un’abitazione. I due soggetti sono stati quindi arrestati in flagranza per tentato furto. L’auto che hanno utilizzato, una Ford Focus, è risultata rubata due settimane fa a Ravenna, e all’interno c’era il “kit del perfetto ladro”: arnesi da scasso di ogni tipo, e targhe di auto risultate rubate a Modena. Per loro sono state quindi spiccate anche le accuse di ricettazione e porto di arnesi atto allo scasso.

Vista la loro “dotazione”, i carabinieri della compagnia di Cesena, guidati dal capitano Fabio Di Benedetto, ritengono che si tratti di una banda di malviventi che abbiano colpito una miriade di altre volte. Sono in corso le verifiche per controllare se la descrizione di alcuni autori di furti ancora senza colpevoli a Cesena corrisponda alla loro.  L’arresto è stato convalidato e i due soggetti sono stati processati per direttissima in tribunale a Forlì. In attesa del processo per il 42enne sono stati disposti gli arresti domicoliari, mentre il 24enne la misura cautelare adottata è l'obbligo di firma. Analogamente al caso di due giorni, pur presi ancora con gli attrezzi del mestiere in mano, i ladri non vedono il carcere.


foto ladri cc-3

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento