Gambettola, tassa sui rifiuti: nessun aumento per famiglie e imprese

Nonostante l’aumento del 4,5% previsto dal Piano Economico Finanziario 2018 approvato da Atersir, il comune di Gambettola non aumenterà la tariffa rifiuti, sia per le famiglie che per le imprese

Sindaco e vicesindaco con delega al bilancio hanno incontrato i sindacati e le associazioni di categoria anticipando loro la proposta di tariffe 2018 per la raccolta e lo smaltimento rifiuti che porteranno in approvazione nel Consiglio comunale. Nonostante l’aumento del 4,5% previsto dal Piano Economico Finanziario 2018 approvato da Atersir, il comune di Gambettola non aumenterà la tariffa rifiuti, sia per le famiglie che per le imprese. "Insieme al Servizio Ragioneria e Tributi - dichiarano il sindaco Roberto Sanulli e il vicesindaco Eugenio Battistini – abbiamo lavorato per contenere al massimo l’aumento previsto. Abbiamo raggiunto un risultato molto soddisfacente e assolutamente non scontato viste le premesse; infatti non solo aumentano le quantità di rifiuti prodotti, ma continua il malcostume dell’abbandono fuori dai cassonetti e la raccolta differenziata si mantiene a livelli insoddisfacenti".

"Quest’anno le tariffe non subiranno alcun aumento - affermano soddisfatti sindaco e vicesindaco -. E’ stato possibile raggiungere questo risultato in virtù delle economie di spesa dovute alla gara d’appalto del servizio di riscossione e bollettazione ma soprattutto grazie al puntuale lavoro svolto dal servizio Tributi per recuperare l’evasione e contenere l’entità degli insoluti. Ci ha fatto particolarmente piacere constatare che associazioni e sindacati hanno apprezzato il lavoro che abbiamo svolto".

"Possiamo rendere strutturale il contenimento dei costi del servizio rifiuti - concludono gli amministratori - solo attraverso il gioco di squadra, dove è decisivo il ruolo di cittadini ed imprese. Serve la convinta collaborazione di tutti e assumere atteggiamenti virtuosi volti alla riduzione  delle quantità di rifiuti prodotti, per migliorare la raccolta differenziata utilizzando gli appositi contenitori e contrastare l’incivile fenomeno degli abbandoni fuori dei cassonetti, non solo per i danni ambientali che arreca ma anche per i maggiori costi che comporta nella gestione del servizio e che ritroviamo nelle bollette Tari di tutti noi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento