Bonaccini a Roncofreddo per visionare la frana di Montecodruzzo: 600mila euro dalla Regione

E’ ormai al via il primo stralcio di lavori di ripristino della frana, con 600mila euro stanziati dalla Regione

“Ascoltare le comunità locali e trovare insieme una soluzione ai problemi aperti, credo sia allo stesso tempo doveroso e normale. Così come lo è verificare la situazione rispetto a progetti importanti per il territorio, fondamentali per la sicurezza e la vita quotidiana delle persone, per i quali anche noi, come Regione, abbiamo stanziato le risorse necessarie”. Il presidente della Giunta regionale, Stefano Bonaccini, ha svolto mercoledì mattina un sopralluogo a Montecodruzzo, frazione del Comune di Roncofreddo, dove una frana lunga circa 150 metri minaccia la sicurezza dell’abitato e della Torre Civica, che si leva sui resti dell’antica roccaforte malatestiana, bene di proprietà dell’amministrazione comunale tutelato dalla Soprintendenza Archeologica, belle arti e paesaggio e sede di apparati radio di trasmissione per la Protezione civile e per gli enti dedicati alla sicurezza pubblica. Con Bonaccini anche il sindaco Massimo Bulbi.

E’ ormai al via il primo stralcio di lavori di ripristino della frana, con 600mila euro stanziati dalla Regione, che ha anche inserito il secondo stralcio - dall’importo di 700 mila euro – tra gli interventi prioritari nell’assegnazione delle risorse nazionali per la prevenzione del dissesto. Con 500 mila euro del ministero dell’Ambiente, già disponibili, si provvederà alla messa in sicurezza la strada Badia-Santa Paola. Già chiuso il cantiere dei primi interventi per salvare la Torre Civica, finanziato dal ministero della Cultura con 50 mila euro.

“Fare sistema è ciò che abbiamo fatto fin dall’inizio della legislatura - sottolinea Bonaccini - e l’impegno condiviso delle istituzioni funziona, si dimostra efficace, soprattutto se l’esempio ci viene in primo luogo dalla forza e dalla tenacia dei territori stessi”. La Regione ha poi reso possibile l’intervento di manutenzione straordinaria per il ripristino e la messa in sicurezza di via Rubicone, collegamento viario fra Montecodruzzo e Roncofreddo, attualmente chiusa al traffico, per il quale ha stanziato complessivamente 102mila euro. Il ripristino è in corso.

Un altro importante intervento sarà poi possibile sulla scuola primaria e secondaria di Roncofreddo. Il ministero dell’Istruzione ha infatti stanziato 308mila euro a favore del Comune per interventi di messa in sicurezza e adeguamento sismico, mantenimento della funzionalità ed efficientamento energetico dell’edificio scolastico. Ultima tappa della sua visita a Roncofreddo, è stata per il presidente della Regione la visita alla azienda agricola Guidi, che quest’anno taglia il traguardo dei 50 anni di attività avendo puntato sulla qualità della propria produzione e il rispetto dell’ambiente. Successivamente, Bonaccini ha visitato il sito produttivo di Sidermec a Sant’Angelo, frazione del Comune di Gatteo (Fc): è l’hub italiano (il secondo è in Belgio) del Gruppo, fra i leader in Europa per la vendita e il taglio di banda stagnata e banda cromata, materiale poi utilizzato per la produzione di imballi metallici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento