menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

E45, Morrone (Lega): "Risposte dal Governo in tempo record, assenza di Di Maio strumentalizzata"

Il sottosegretario alla Giustizia e segretario della Lega Romagna attacca: "Dai sindaci del Pd salti mortali per travisare la realtà"

Il sottosegretario alla Giustizia Jacopo Morrone interviene sul caso del momento, la mancata partecipazione del Ministro Luigi Di Maio alla riunione per l'emergenza E45. 

“Non è indispensabile presenziare a una riunione - attacca l'esponente leghista - per conoscere cosa sia stato detto e se quanto riportato da chi era presente sia stato riferito correttamente. Ieri ero obbligatoriamente presente in Aula, alla Camera, per la discussione sulla riforma della ‘legittima difesa’, ma mi sono contemporaneamente interessato di conoscere gli esiti dell’incontro su un tema che ha sempre visto la Lega in prima fila".

"Più sorprendenti e confusi sono stati - prosegue Morrone - i resoconti di alcuni sindaci presenti. Spiace, poi, che il sindaco Marco Baccini non tenga a riconoscere quello che appare evidente, ovvero la sua vicinanza al sindaco uscente di Cesena. Lo dicono i fatti e soprattutto gli scritti di Baccini: due gocce d’acqua. Legittimo poi che il sindaco di Bagno difenda la sua attività e la sua parte politica, dato che ormai è saltata l’ambiguità del ‘sindaco civico’".

I sindaci chiedono un altro incontro al Ministro Di Maio

Secondo Morrone "E' indubbio che la situazione dell’E45 risulti grave da anni e che il progetto di una sua riqualificazione strutturale per una eventuale trasformazione in autostrada, con accorgimenti per non penalizzare i residenti, sia stata bocciata dal governo Pd, che di fatto ha declassato l’arteria".

"E' altrettanto indubbio che, a fronte della chiusura del viadotto del Puleto, l’attuale Governo abbia fornito risposte a tempi di record. In poche settimane il ministero del Lavoro ha dato piena soddisfazione alle richieste del presidente Stefano Bonaccini, dei sindacati e dei lavoratori messi in cassa integrazione dalle aziende".

"Un vicepremier, con due dicasteri così importanti, può avere altri impegni e può delegarei i vertici tecnici apicali di fiducia a rappresentarlo. Il sottosegretario alla Giustizia definisce "strumentale" la pretesa di avere il ministro presente e di "alzare un polverone per la sua assenza". "C'è l’intenzione di strumentalizzare questa grave vicenda - conclude Morrone - in vista della prossima campagna elettorale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento