menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cesena capitale del Cibo di Strada, arrivano due 'assaggi' del Festival internazionale

La kermesse vera e propria si svolgerà a ottobre, ma sono in arrivo due anteprime a Bagno di Romagna e a Cesena, da leccarsi i baffi

Kebab libanese, salsa di melanzane con pita, bombette pugliesi, arancine palermitane, tortillas, arrosticini di pecora, ravioli giapponesi, cannoli siciliani: queste solo alcune delle bontà che si potranno assaggiare alle due anteprime del Festival Internazionale del Cibo di Strada che si terranno rispettivamente da venerdì 17 a domenica 19 maggio a Bagno di Romagna e da venerdì 31 maggio a domenica 2 giugno a Cesena (in concomitanza con la festa di Rai Radio 3 che vedrà presenti personalità dell'arte e della musica).

Anzi il sindaco Paolo Lucchi ha confessato che lo staff di Rai Radio 3 ha chiesto con grande insistenza che, come lo scorso anno, la loro iniziativa fosse concomitante col Festival del Cibo di Strada perché il connubio è stato molto fruttuoso e piacevole. Ricordiamo, infatti, che il Festival vero e proprio, quello che si tiene all'inizio di ottobre, fa segnare dalle 80 mila alle 100 mila presenze, portando Cesena all'attenzione dei media nazionali ed eleggendola capitale naturale del cibo di strada. Un merito, questo, che va riconosciuto prima di tutto a Giampiero Giordani, l'ideatore del festival - scomparso pochi mesi fa - che vent'anni fa ha saputo comprendere e prevedere l'enorme potenziale di un cibo, come la piadina, gustoso, autentico e alla portata di tutti.

Ma anche allo staff di Confesercenti (ora composto dal Giulia Rossi, Stefano Neri e Lorenzo Mambelli), all'amministrazione comunale nelle vesti del sindaco Paolo Lucchi e l'assessore Zammarchi, e a Chef Kumalè, Vittorio Castellani, consulente esterno che, oltre a portare nuove delegazioni nel segno della qualità richiesta da Slow Food, è già al lavoro per progettare una particolare iniziativa che ricordi Giampiero Giordani all'interno dello stesso Festival. In attesa del Festival di ottobre, si parte con degli assaggi per preparare le papille gustative. Il primo appuntamento è quello di Bagno di Romagna, in collaborazione col Comune, il Parco della Foreste Casentinesi, l'associazione Bellappennino Savio-Tevere, la Pro Loco di Bagno di Romagna, "Le tre Terme di Bagno di Romagna", l'A.S. Bagnese, la Crocina.

Per rendere ancora più spettacolare l'evento, i volontari della Compagnia della Crocina hanno già realizzato l'allestimento del "tetto colorato" composto da oltre 500 ombrelli multicolore, a formare un arcobaleno e splendida cornice che animerà tutta la stagione turistica. Le delegazioni presenti saranno: Argentina, Messico, Sicilia (Palermo), Abruzzo (Chieti), Libano, Bagno di Romagna, Giappone. Durante le tre giornate sono previsti spettacoli di musica e animazione. Il venerdì sera con Brillanti Sparsi, il sabato dal tardo pomeriggio con dj set Nico e la sera con il concerto degli Umagroso, la domenica pomeriggio e sera con Daniele e con lo Spettacolo delle bolle. A Cesena le delegazioni saranno 10, tre in più di quelle di Bagno (Grecia, Emilia e Puglia) più la birra artigianale di Marialti e vini del territorio. Nelle serate sono previsti gli spettacoli di Go Go Megafon (venerdì), Urgonauts (sabato), Nadimobil (domenica).

conferenza stampa-3

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento