menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

E' allarme babygang alla stazione, la testimonianza shock: "Ho avuto paura"

Vere e proprie bande di ragazzini di 15 o 16 anni che scorrazzano per la stazione, urlando, infastidendo i presenti e picchiandosi tra di loro

Che la stazione ferroviaria di Cesena ogni tanto sia mal frequentata, purtroppo, non è una novità. Tutte le stazioni del mondo sono punti critici delle città, porti di mare, luoghi di passaggio e a volte di soggiorno non desiderato. Anche a Cesena da tempo si parla che sia diventata covo di drogati e di alcuni individui poco raccomandabili, ma da qualche mese sembra essere emerso un altro pericolo: quello delle babygang. Vere e proprie bande di ragazzini di 15 o 16 anni che scorrazzano per la stazione, urlando, infastidendo i presenti e picchiandosi tra di loro. Comunque impaurendo chi si trova in zona.

L'ultima testimonianza - scritta su Facebook perché l'utente ha voluto condividerla il più possibile - è di un padre di famiglia, un uomo maturo, che venerdì scorso ha  accompagnato sua figlia e sua moglie a prendere l'intercity. Erano le 23,45 di venerdì sera quando si è recato verso l'ingresso della stazione e due guardie giurate l'hanno fermato dicendo che dovevano passare da fuori perché la stazione e la sala d'attesa erano chiuse. "Così ci siamo diretti verso le scale esterne per scendere nella zona dei binari in attesa del treno - spiega Eugenio -, ma appena siamo arrivati abbiamo notato un gruppo di ragazzini di non più di 15/16 anni con atteggiamenti da bulli che con schiamazzi e urla prendevano a calci e pugni le macchinette delle bibite e altre cose nei paraggi facendomi preoccupare non poco per l'incolumità dei miei familiari e mia".

"Finalmente è arrivato il treno (con 45 minuti di ritardo) e abbiamo notato che questa banda di vandali si è sistemata vicino alla rampa di arrivo del mezzo come se dovessero salire, ma quando il treno si è fermato sono saliti in massa sul treno non per il viaggio, ma per arraffare al volo qualunque cosa di valore incontrassero, per poi riscendere. Per fortuna i controllori li hanno bloccati urlandogli di scendere all'istante. E loro sono scesi,sputando e insultando i controllori. Credetemi - continua Eugenio - sono un uomo adulto e non ho paura quasi di nulla, ma quella sera ho temuto per la nostra incolumità perché sono branchi e non solo due o tre. So che le nostre forze dell'ordine sono purtroppo a ranghi ridotti ma in quell'ora, che mi è sembrata lunghissima, non si è vista nessuna divisa. Voglio condividere quest'esperienza con più persone possibili con la speranza che qualcuno prenda provvedimenti e renda questo luogo, come altri della città, un po' più sicuro per il cittadino che vuole sentirsi libero di muoversi come meglio crede".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento