menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La casa posta sotto sequestro

La casa posta sotto sequestro

Morti nel degrado in pieno centro, il sindaco: "Avevano rifiutato i servizi sociali"

Due decessi sconcertanti, in particolare per le modalità in cui sono avvenute: nel cuore del centro di Cesenatico, in zone di pregio nei pressi della Vena Mazzarini, in un contesto urbano ed elegante. Eppure quell'abitazione dalle precarie condizioni si trovava proprio lì

Due decessi sconcertanti, in particolare per le modalità in cui sono avvenute: nel cuore del centro di Cesenatico, in zone di pregio nei pressi della Vena Mazzarini, in un contesto urbano ed elegante. Eppure quell'abitazione dalle precarie condizioni si trovava proprio lì, nascosta da una vegetazione domestica che l'incuria aveva reso quasi una giungla. Dopo il ritrovamento dei corpi di due anziani fratelli, Mario Bonini, 71 anni, e la sorella maggiore, Adele Bonini, 76 anni, divampa la polemica su come ciò sia stato possibile.


 

I due fratelli sono stati trovati morti, i loro corpi giacevano lì da almeno due giorni, probabilmente vittime di esalazioni di monossido di carbonio per un piccolo incendio di spazzatura. Il Partito Democratico, con il capogruppo Matteo Gozzoli, chiede informazioni: “Nel pieno centro di Cesenatico, due persone anziane sono state rinvenute senza vita in un contesto di grave degrado e abbandono. Siamo di fronte ad una vicenda tremenda che lascia senza parole e che ci addolora profondamente. Esprimiamo vicinanza e cordoglio ai famigliari delle vittime e chiediamo che il Sindaco relazioni su quanto accaduto all’interno del prossimo consiglio comunale, vogliamo capire come sia potuto accadere a Cesenatico e in pieno centro un episodio simile e vogliamo capire se la situazione delle vittime fosse già nota o meno ai servizi sociali”.

La risposta del sindaco Buda non si fa attendere: “Già stamattina ho chiesto ai servizi sociali una relazione. Intanto verbalmente mi hanno spiegato che, su una segnalazioni di un vicino, che segnalava il degrado e l'incuria di quella proprietà in base a quanto si poteva notare dalla strada, il personale dei servizi sociali per due volte ha tentato di contattare i residenti e verificarne le condizioni. Tuttavia, l'intervento è stato rifiutato dai diretti interessati. Infine i servizi sociali hanno contattato dei parenti dei tre fratelli, che hanno assicurato che era tutto a posto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento