rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Cesenatico

Al circolo Arci di Borella focus sulla ludopatia: parlerà di rimedi e prevenzione il dottor Michele Sanza

Un incontro dedicato ad una patologia molto diffusa e molto spesso sottovalutata: la ludopatia, una malattia che si sta diffondendo a macchia d’olio

Un incontro dedicato ad una patologia molto diffusa e molto spesso sottovalutata: la ludopatia, una malattia che si sta diffondendo a macchia d’olio in tutto il mondo e riguarda il gioco d’azzardo. Cosa fare per contrastare questo fenomeno? La dipendenza può essere curata con successo?  Ne parlerà al circolo Arci Borella di Cesenatico il dottor Michele Sanza, Psichiatra e Psicoterapeuta, direttore dell'Unità Operativa Servizio Dipendenze Patologiche dell'Azienda USL della Romagna sede di Cesena. Ha ricoperto l'incarico di Direttore Sanitario dell'Azienda USL di Cesena (dal 2003 al 2005) e di Direttore del Dipartimento di Salute Mentale della stessa azienda dal 2009 al 2011. E' autore di numerose pubblicazioni di carattere scientifico e di alcune monografie sui Disturbi di Personalità. L'appuntamento è per mercoledì 26 gennaio alle ore 20:45.

Il principale rischio del gioco d’azzardo è la dipendenza. Non riuscire più, letteralmente, a smettere di giocare con la perdita incontrollata delle proprie risorse economiche (e/o di quelle familiari) ma anche di mettere da parte le normali attività quotidiane (come lo studio e il lavoro) e i propri cari. Nei casi più estremi, inoltre, la malattia del gioco compulsivo può portare persino al suicidio. Chi dipende dal gioco ha come unico scopo della giornata la ricerca dell’attività che genera piacere. Molto spesso poi i legami tra ludopatia e dipendenza da alcol e droghe sono numerosi.

Quindi il giocatore che diventa compulsivo non è semplicemente uno che ha un vizio ma è una persona malata che va seguita, compresa e curata così come riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. In Italia questo problema interessa oltre 1,3 milioni di persone di cui solo il dieci per cento, circa 12mila individui, è in cura. E' in continuo aumento il numero di minori e di pensionati che vivono in condizioni di dipendenza da gioco d’azzardo a partire dalle fasce più esposte, più fragili e nelle pagine dei giornali locali ricorrono troppo spesso terribili fatti di cronaca che raccontano di povertà e di gravi malesseri.

La partecipazione è libera e gratuita ma per accedere si devono osservare le regole anti Covid 19, essere in possesso di Green Pass e muniti di mascherina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al circolo Arci di Borella focus sulla ludopatia: parlerà di rimedi e prevenzione il dottor Michele Sanza

CesenaToday è in caricamento