Politica

Bagarre in Parlamento, Guiduzzi (M5S): "Escandescenze intollerabili"

"Ci auguriamo che gli esponenti locali del Partito Democratico, sempre in prima linea "a parole" contro la violenza sulle donne (deprecabile ogni tipo di violenza), prendano dovute distanze dal comportamento di Enzo Lattuca"

Monta la polemica sul diverbio che si è verificato in Parlamento tra Enzo Lattuca, deputato cesenate del Pd, e la deputata grillina Maria Edera Spadoni. A prendere in mano la protesta anche a livello locale è la consigliera comunale Natascia Guiduzzi, dello stesso partito della Spadoni: “Quattro anni in Consiglio Comunale a Cesena ci hanno dato modo di conoscere bene le intemperanze del Deputato Enzo Lattuca (Consigliere Comunale a Cesena dal 2009 al 2013), più volte richiamato dalla Presidenza del Consiglio per i suoi insulti a Consiglieri di opposizione, continue interruzioni durante gli interventi altrui ed escandescenze varie. Ma quello successo ieri in Parlamento è intollerabile”

E ancora: “Massima solidarietà alla Cittadina deputata del MoVimento 5 Stelle Maria Edera Spadoni, colpevole solo di aver ricordato a Enzo Lattuca i 35.000 euro che ogni esponente del PD deve "donare" al partito dopo l'elezione. Vecchia politica, che non ci appartiene e che ci vede in prima linea per cambiare le regole e restituire ai cittadini tutti quei privilegi che i politici in tanti anni di MALAPOLITICA si sono presi. Vergognoso il comportamento di Enzo Lattuca che, da quanto riportato dalla stessa Spadoni “si è avventato su di me e ha iniziato a gridarmi contro a un centimetro di distanza dal viso. Poi ha stretto il pugno e mi ha sfiorato la testa più volte, facendo il gesto del 'toc toc', forse volendo indicare che abbiamo la testa vuota. Ma Lattuca è un ragazzone, è altissimo, quando l’ho visto venire spedito contro di me ho temuto, sono rimasta impietrita". Il gesto ha suscitato l'immediata reazione dei commessi alla camera, che hanno prontamente allontanato dall'aula il Lattuca. Pessimo esempio per la nazione tutta e per i Cittadini di Cesena che rappresenta”.

Ed infine: “Ci auguriamo che gli esponenti locali del Partito Democratico, sempre in prima linea "a parole" contro la violenza sulle donne (deprecabile ogni tipo di violenza), prendano dovute distanze dal comportamento di Enzo Lattuca, stigmatizzandolo ed allontanandolo dal partito, in particolare attenderemo con impazienza la reazione del Sindaco Paolo Lucchi, padrino politico del deputato, da anni individuato come suo delfino”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bagarre in Parlamento, Guiduzzi (M5S): "Escandescenze intollerabili"
CesenaToday è in caricamento