Bufera sul gesto di Lattuca alla Camera. La replica: "Nessuna violenza"

"Sono dispiaciuto se Maria Edera Spadoni si sia sentita scossa per la mia risposta ad una sua provocazione e per questo le chiedo scusa. Ma non la ho né insultata, né minacciata e, soprattutto, non ho assolutamente tentato di colpirla"

Il deputato cesenate del Pd Enzo Lattuca è al centro di un'aspra polemica per un gesto di rabbia che si è verificato nella serata di giovedì in Parlamento. Lattuca, infatti, ha stretto il pugno nei confronti di una collega del M5S, Maria Edera Spadoni, che poco dopo su Facebook ha commentato: “Questa sera sono stata aggredita in aula dal deputato Lattuca (PD). Si è avvicinato a 5 cm dal volto e ha cercato ripetutamente di darmi dei pugni, gridandomi addosso. Non nascondo che sono abbastanza turbata”. E' scoppiata la bagarre, con Movimento 5 Stelle che è sceso in trincea a difesa della sua deputata.

Nella mattinata di venerdì il web e i social network si sono riempiti di proteste e improperi nei confronti del giovane deputato cesenate. Che in una nota chiede scusa alla Spadoni e, contemporaneamente, spiega il senso del suo gesto, che non voleva essere un pugno stretto nel senso di una minaccia fisica: “Sono molto rammaricato per il clima di tensione con il quale, nella serata di ieri giovedì 24 ottobre, si è chiusa la seduta alla Camera”. Da parte sua la stessa Spadoni ha precisato di non aver inteso il gesto come un pugno mirante a colpirla.

LA PROVOCAZIONE: "HAI PAGATO 35MILA EURO"

Quindi la ricostruzione alternativa di Lattuca: “Mentre uscivo dall’aula - dopo aver ascoltato e applaudito all’intervento di un collega del Movimento 5 Stelle sulla morte di Raffaele Pennacchio affetto da SLA - si è acceso un diverbio tra la Presidente di turno, on. Sereni e l’on. Di Stefano del M5S. Uscendo stavo commentando con una collega del M5S le frasi irriguardose nei confronti della Presidente. In quell’istante, l’on Maria Edera Spadoni si è rivolta a me intimandomi di tacere perché, a parer suo, a differenza degli eletti del M5S, scelti dai cittadini, io avrei pagato trentacinque mila euro per essere eletto in parlamento. Di fronte a tali affermazioni, false e assolutamente infondate, ho replicato all’on. Spadoni e, trovandomela di fronte, le ho detto che se avesse provato a bussare (mimando in aria il gesto), nella testa del collega, l’avrebbe trovata vuota”.

“NON UN PUGNO, MA IL SEGNO DEL BUSSARE”

E ancora Lattuca: “Successivamente sono uscito dall’aula raccogliendo anche l’invito dei commessi presenti. Sono dispiaciuto se Maria Edera Spadoni si sia sentita scossa per la mia risposta ad una sua provocazione e per questo le chiedo scusa. Tengo però a precisare che non la ho né insultata, né minacciata e, soprattutto, non ho assolutamente tentato di colpirla. Non vi è stata alcuna aggressione, né verbale né fisica. Il rifiuto di ogni forma di violenza fa parte dei miei valori politici e penso che sia intollerabile che si continui, in maniera strumentale, a dar conto di una presunta aggressione della collega Spadoni da parte mia, che ripeto, non è mai avvenuta. Per altro la stessa Spadoni, nelle dichiarazioni odierne, ha smentito un mio tentativo di colpirla, da lei stessa fatto erroneamente intendere nella serata di ieri”.

DILUVIO DI PROTESTE SU INTERNET

Continua Lattuca: “Se un’aggressione c’è stata è quella che ho subito e sto subendo in queste ore attraverso il web e in particolare sui miei profili Facebook e Twitter. In poche ore ho ricevuto centinaia di insulti e minacce, alcune anche molto gravi, da diversi esponenti e simpatizzanti del M5S e sedicenti tali”. Su youtube alcune espressioni sono irripetibili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ho intenzione di rivolgere una lettera alla Presidente Laura Boldrini per rassicurarla su ciò che è davvero accaduto nella serata di giovedì 24 ottobre. I filmati della Camera, così come i numerosi colleghi e commessi presenti, potranno testimoniare quanto realmente accaduto. Rispetto al clima di scontro e di tensione creatosi al termine della seduta non posso che esprimere tutto il mio rammarico per non essere riuscito ad estraniarmene. Infine rispetto alle ulteriori e infamanti ricostruzioni volte ad addebitarmi un’aggressione fisica e verbale nei confronti della collega Spadoni, non esiterò a difendere la mia rispettabilità in ogni sede. Ringrazio tutti i colleghi, gli amici e i conoscenti che in queste ore mi hanno dimostrato la loro stima e solidarietà.”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

  • Cresce la curva dei contagi, "focolaio" in un caseificio. Il Covid torna ad uccidere nel Cesenate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento