menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istituto Corelli, insegnanti a scadenza di contratto: "Ci sarà un nuovo bando di selezione"

"La volontà inequivocabile dell'amministrazione comunale rispetto al potenziamento e al rilancio dell'Istituto Corelli è di valorizzare la più longeva scuola di musica della città", garantisce Castorri

L'istituto Corelli è stato al centro di due interpellanze discusse giovedì pomeriggio in Consiglio comunale. La prima è stata presentata da Chiara Santero del Pd, nel quale chiedeva informazioni sulla collaborazione fra il Conservatorio "Maderna" e il Corelli. La seconda è stata proposta da Vittorio Valletta di Cesena Siamo Noi, chiedendo chiarimenti sulle linee guida per il rilancio dell'Istituto e loro sviluppi applicativi. "La volontà inequivocabile dell’amministrazione comunale rispetto al potenziamento e al rilancio dell’Istituto Corelli è di valorizzare la più longeva scuola di musica della città, rinnovando le modalità gestionali a beneficio dell’incremento dell’offerta formativa e della partecipazione ai corsi, promuovendo, in parallelo, il protagonismo del Corelli nella programmazione culturale cittadina", ha garantisce l'assessore alla cultura, Christian Castorri.

"L’amministrazione - rispondendo all'interrogazione di Santero - ha ritenuto di rafforzare la proposta culturale dell’Istituto Corelli attraverso il coinvolgimento del Conservatorio, l’istituzione musicale più importante e accreditata della città di Cesena. La necessità di avvalersi di una nuova collaborazione autorevole è stata determinata anche dalla reiterata richiesta proveniente dal Cta dello stesso Corelli di supplire all’assenza di professionalità tecniche specificamente musicali in seno all’Asp. A fronte degli ottimi rapporti di collaborazione con il Conservatorio, sperimentati, tra l’altro anche col progetto “Cesena in musica” (giunto quarto nella graduatoria regionale del bando per progetti di educazione musicale) è stato naturale chiedere al Conservatorio la disponibilità a una nuova collaborazione, che costituisce un’ulteriore messa in rete delle realtà musicali cesenati".

Prosegue Castorri: "La nuova convenzione tra Comune, Asp e Conservatorio prevede una durata triennale e vedrà la prima annualità come sperimentale. Sarà fondamentale porsi nuovi indirizzi e nuovi obiettivi concreti e misurabili sollecitando in tal senso anche il Cta. Naturalmente il primo obiettivo che si pone l’amministrazione è il rafforzamento dell’offerta didattica e l’incremento di utenti dei corsi. Obiettivi secondari non minori sono relativi ad un maggior coinvolgimento del Corelli nelle attività musicali cittadini, anche ai fini di contribuire all’attuazione di quel piano strategico della cultura auspicato nella delibera sulle nuove linee di indirizzo della cultura adottata dal Consiglio comunale il 30 ottobre 2014".

Castorri garantisce che "l’amministrazione attraverso il monitoraggio dell’attuazione della convenzione garantirà che la vocazione storica del Corelli sia perseguita efficacemente". Annuncia poi l'assessore: "In considerazione del fatto che i contratti degli insegnanti incaricati sono in scadenza, sarà necessario effettuare un nuovo bando di selezione che tenga conto dei requisiti professionali dei partecipanti. Trattandosi di una procedura pubblica i candidati verranno selezionati con assoluta trasparenza e tenendo conto delle competenze necessarie a svolgere le attività didattiche del Corelli. La redazione del bando sarà gestite specificamente dai tecnici, tenendo naturalmente conto dell’identità dell’Istituto musicale Corelli, della sua tipologia di utenti e delle aspettative degli stessi".

Rispondendo al consigliere Valletta, Castorri assicura che l'istituto Correlli "manterrà la sua specifica vocazione alla formazione permanente e alla diffusione della cultura musicale nella città, contribuendo allo sviluppo della sensibilità e della passione per la musica. E’ evidente quindi come vengano mantenute le sue caratteristiche pedagogico-didattiche". Quanto alla direzione artistica e didattica, "sarà affidata al direttore del Conservatorio e al coordinatore dell’Istituto Corelli (individuato fra gli insegnanti del Corelli) e, stante il vigente regolamento, verrà condivisa all’interno del Cta". 

Prosegue l'assessore nella sua risposta: "L’anno di gestione sperimentale della nuova convenzione triennale avrà lo scopo di verificare gli attuali strumenti e organismi del Corelli. Come è stato già ribadito nei diversi incontri effettuati (con gli insegnanti, con i genitori, in commissione consiliare) il Cta verrà sollecitato in modo particolare nell’arco di questo anno sperimentale affinché siano analizzate le attuali metodologie di partecipazione e di lavoro e, a questo riguardo, si valuterà anche l’opportunità di modificare o mantenere il Regolamento e l’Ordinamento didattico approvati 5 anni fa".

"Le linee guida della nuova convenzione esplicitano chiaramente che l’Asp si occuperà degli aspetti amministrativi e contabili, mentre il Conservatorio si occuperà della didattica e dei progetti culturali", aggiunge Castorri. L'assessore ha quindi concluso precisando che "per il Conservatorio non è previsto uno specifico riconoscimento economico per il ruolo attivo che svolgerà nella gestione didattica e culturale del Corelli. Potranno essere previste risorse da dedicare ad iniziative e progetti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento