rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Politica

Famiglini (Pli): "Il sindaco tagli i costi del comune"

Non possiamo imputare alla Giunta in carica la responsabilità del dissesto delle casse comunali e delle relative difficoltà a far quadrare i conti del bilancio pubblico, tuttavia è dovere dell'attuale Sindaco fare in modo che la macchina amministrativa continui a funzionare con le risorse disponibili.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Non possiamo imputare alla Giunta in carica la responsabilità del dissesto
delle casse comunali e delle relative difficoltà a far quadrare i conti del
bilancio pubblico, tuttavia è dovere dell'attuale Sindaco fare in modo che
la macchina amministrativa continui a funzionare con le risorse disponibili.
Da questo punto di vista non è auspicabile né inserire nuove tasse perché
deprimerebbero ulteriormente le attività economiche locali ed il bilancio
delle famiglie già in crisi né andare "con il cappello in mano" a chiedere
un contributo di solidarietà ai privati a fronte dei numerosi sprechi che il
nostro Comune ha commesso negli ultimi decenni operando ben al di sopra
delle proprie possibilità finanziarie. L'unica cosa che a nostro avviso
l'attuale Giunta può fare è, voci di bilancio alla mano, stabilire delle
priorità ed iniziare a tagliare i costi partendo dai più superflui fino al
pareggio del bilancio. I nostri amministratori dovrebbero, ad esempio,
ottimizzare i servizi, avviare una riduzione graduale del personale,
eliminare le consulenze esterne per quelle attività che possono essere
effettuate internamente, aumentare i controlli sugli appalti e le commesse
pubbliche in modo da evitare che gli eventuali "errori" si tramutino in
aumento di costi, contribuire maggiormente alla lotta all'evasione fiscale,
rinegoziare i contratti di fornitura di beni e servizi, tagliare quei
contributi che suonano tanto di "regalia politica", predisporre un piano di
rientro del debito ed, in generale, accettare la sana regola che recita
"tanto si incassa e tanto si spende". A nostro avviso un lavoro di questo
tipo non solo chiuderebbe i buchi del bilancio ma permetterebbe di trovare
le risorse per continuare quell'opera di riqualificazione urbana di cui la
nostra città ha grande necessità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Famiglini (Pli): "Il sindaco tagli i costi del comune"

CesenaToday è in caricamento