Trasporto scolastico verso il 14 settembre, le imprese private: "Siamo pronti e operativi"

"Il nodo del trasporto scolastico è però ancora da sciogliere e, ormai a  un mese dall'inizio della scuola,  stiamo aspettando indicazioni"

Anche nel Cesenate il settore del trasporto persone si trova in una situazione di grave crisi ed è tra quelli che sta subendo le peggiori
conseguenze dell’emergenza da Covid 19. Autoservizi Casadei, impresa storica associata a Confartigianato cesenate, con deposito a Borello e uffici a Mercato Saraceno, è una delle realtà di trasporto privato più strutturate  nel territorio cesenate, avviata nel 1983.

Al fondatore Alberto si è affiancato il figlio Maurizio e ora il titolare è Enrico, figlio di Maurizio, a suggello di un felice ricambio generazionale giunto alla terza generazione. L'emergenza coronavirus ha avuto riflessi negativi sulla categoria e anche per ciò che concerne il trasporto scolastico in sub-appalto: da fine febbraio, con la chiusura delle scuole, non vengono effettuate corse.

“Con il ritorno alle lezioni in presenza – afferma il titolare Enrico Casadei –il 14 settembre prenderà il via il nuovo anno scolastico e
l'orientamento degli istituti di ogni ordine e grado è di ripartire con le lezioni in aula. Per quel che attiene il trasporto scolastico siamo
subappaltatori di Start. Inoltre Il consorzio Coerbus, di cui facciamo parte, ha vinto la gara per i servizi di trasporto scolastico che serve
Cesena, con 19 mezzi, Mercato Saraceno con cinque, Cesenatico con dieci, Longiano con due e Roncofreddo. Il nodo del trasporto scolastico è però ancora da sciogliere e, ormai a  un mese dall'inizio della scuola,  stiamo aspettando indicazioni. Noi, dunque, siamo pronti e operativi. La gara si è svolta ragionando sulle corse dell'anno scorso. Il parco veicolare in nostro possesso è di 39 mezzi di proprietà, da quelli più piccoli a otto posti sino ai bus a due piani, e 15 in comodato d'uso. Abbiamo 42 autisti dipendenti, pressoché tutti del territorio, ma durante il lockdown c'è chi si è licenziato andando a lavorare per ditte di autotrasporto”.

“In questi mesi – prosegue Casadei - si sono ridotti sensibilmente anche i viaggi per turismo: ora siamo nell'ordine di tre o quattro al
mese per cene aziendali, pellegrinaggi e poco altro, mentre prima del covid muovevamo dieci mezzi al giorno. Il blocco delle gite scolastiche nel 2020 si è fatto sentire e al momento è presumibile che di viaggi di istruzione si torni a parlare, se la situazione sanitaria lo consentirà, solo nella primavera del 2021. Siamo dunque di fronte ad un mercato che si è notevolmente ristretto, con tutte le criticità correlate. Le gare vinte prevedono anche il rinnovo del parco mezzi e ciò presuppone investimenti onerosi. Il nostro auspicio è che riparta a pieno regime il trasporto scolastico per assicurare il trasporto in sicurezza degli studenti e, con il miglioramento della situazione sanitaria, torni a regime anche il trasporto turistico e aziendale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Confartigianato Trasporto Persone – rimarca il Gruppo di Presidenza Confartigianato cesenate – ha avviato un confronto con il Governo e con la Regione per trovare soluzioni, stanziamenti specifici ma anche un supporto per aiutare le imprese a individuare nuovi segmenti di mercato. Confartigianato ha chiesto contributi a fondo perduto, proroga degli ammortizzatori sociali, azioni di ristoro per servizi in appalto non svolti e proroga dei servizi e infine specifici aiuti per gli autobus nel Decreto rilancio all’interno delle misure a sostegno del turismo. I
servizi privati sono integrativi al trasporto di linea e con uno stanziamento ad hoc si potrebbe permettere alle imprese di operare come
supporto al trasporto pubblico locale, laddove questo risulti strutturalmente inadeguato o troppo oneroso per la fornitura dei servizi
ai cittadini. Il settore del trasporto persone è una risorsa del territorio e va sostenuto in questa tortuosa ripartenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • La loro passione diventa un'avventura dolcissima: due amiche aprono una biscotteria-pasticceria

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Coronavirus, "focolaio" nell'azienda di consegne, 12 lavoratori positivi al tampone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento