Pubblici esercizi cesenati: tanti benefici col nuovo contratto

Sono intervenuti Roberto Calugi, direttore generale Fipe, Paola Fontanelli, consulente della delegazione sindacale Fipe e Beatrice Danesi, consulente del lavoro.

Nella foto da sinistra Angelo Malossi, Paola Fontanelli, Roberto Calugi, Giorgio Piastra e Alberto Pesci

Anche per le migliaia di imprese dei pubblici esercizi nel territorio cesenate e provinciale è entrato in vigore il nuovo contratto per i pubblici esercizi, ristorazione e turismo, valido fino al 31 dicembre 2021, che è stato presentato in un convegno tenutosi alla chiesa dei Servi di Forlimpopoli nell complesso artusiano. “Si tratta del primo contratto nazionale dei pubblici esercizi, ristorazione commerciale, collettiva e del turismo, atteso da quasi cinque anni - ha rimarcato il presidente Fipe cesenate Angelo Malossi - che insieme al presidente di Confcommercio Forlì-Cesena Augusto Patrignani e al vicepresidente Fipe Forlì-Cesena Ivano Benazzi ha dato il via alla giornata di approfondimento. Sono intervenuti Roberto Calugi, direttore generale Fipe, Paola Fontanelli, consulente della delegazione sindacale Fipe e Beatrice Danesi, consulente del lavoro.

“Grazie al nuovo contratto - mette n luce il presidente Angelo Malossi - i pubblici esercizi potranno impostare regimi di orario diversi, eìvitando il costo degli straordinari per sopperire ai periodi intensi di lavoro. Inoltre, per i nuovi assunti, si riducono a 32, invece delle precedenti 104, le ore di permesso retribuito e vengono introdotti meccanismi di flessibilità anche per chi è già assunto. Viene anche esteso il ricorso al part time, scatta una nuova proporzione tra gli apprendisti e i qualificato in forza all’impresa, rimisurati gli scatti di anzianità eliminata l’incidenza degli scatti sul calcolo della quattordicesima e sulla determinazione annua al calcolo del Tfr, introducendo di fatto un risparmio retributivo e contributivo per i datore di lavoro. pertanto - conclude Malossi - il nuovo contratto garantisce alle imprese una maggior flessibilità nella gestione del lavoro e anche risparmi sul costo del lavoro. E’ molto importante che i titolari dei pubblici esercizi conoscano le opportunità del nuovo contratto e i consulenti sindacali Fipe sono a disposizione degli associati. Queste novità, infatti, si potranno attuare solo se ai contratti si applicherà il nuovo ccnl siglato al momento solo da Fipe Confcommercio, che è quindi l’unica associazione da prendere come riferimento per comprendere i dettagli del contratto e attuare i dovuti approfondimenti un base alla propria situazione aziendale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Terremoto avvertito nel cuore della notte: epicentro nella pianura forlivese

Torna su
CesenaToday è in caricamento