rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Economia

Patrignani: "Potenziare tutte le forme di spostamento in centro storico, non demonizzare le auto"

"Vogliamo che aumenti l’accessibilità del centro storico, delle sue attività commerciali e dei suoi istituti culturali, attraverso un sistema efficiente di plurimobilità"

Grazie al contributo di due esperti internazionali del calibro del tedesco  Schweitzer e dell’austriaco Reiter Cat Ascom Servizi e Confcommercio hanno presentato in un convegno a Palazzo Ghini alla città e all’amministrazione comunale nuove forme di micromobilità elettrica e comunque sostenibile, fra cui le cargo-bike, e un’associazione bergamasca ha illustrato il servizio di quest’ultima forma di trasporto ecologico, dominante in Danimarca, ma che sta iniziando a diffondersi anche dalle nostre parti.

"Mentre l’amministrazione comunale sta procedendo con il Piano della mobilità sostenibile, Cat Ascom Servizi e Confcommercio hanno voluto contribuire alla conoscenza delle pratiche virtuose che si adottano in Europa, per quel che attiene alla micromobilità nei centri storici. Il nostro contributo si iscrive in un percorso progettuale avviato da vari mesi in sinergia con l'amministrazione comunale per un intervento di rigenerazione urbana da attuare in parti del centro contraddistinte dal degrado o da una non adeguata valorizzazione". Spiega Augusto Patrignani, presidente Confcommercio cesenate.

"Dove vogliamo andare a parare? Semplice: vogliamo che aumenti l’accessibilità del centro storico, delle sue attività commerciali e dei suoi istituti culturali, attraverso un sistema efficiente di plurimobilità, attraverso il quale vengano offerte tante possibilità di spostamento, senza demonizzarne nessuna e senza ledere il principio sacro della libertà di spostamento col mezzo che un cittadino ritiene più adeguato e rispondente alla sua personale situazione, un’ottica comunitaria, quella sì, di ecosostenibilità. Sono più diretto: la plurimobilità deve essere democratica e non deve demonizzare le auto, il mezzo di spostamento più utilizzato, né deve comprimere a dismisura gli spazi per la loro circolazione, perché è antistorico, nel senso che le auto, che sempre più saranno elettriche, continuano a venire prodotte, venute e circolano, favorendo gli spostamenti agevoli delle persone".

Patrignani conclude: "Ecco allora che la mobilità sostenibile comprende e non penalizza anche questa forma, che, diversamente dalle altre, abbisogna anche di ampi spazi per la sosta adeguati e comodi a servizi del centro. Nel programma di legislatura è contemplata la realizzazione di un parcheggio a servizio del centro che - ribadisco - in un’ottica di plurimobilità -, è bene iniziare a definire, progettare e realizzare". 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patrignani: "Potenziare tutte le forme di spostamento in centro storico, non demonizzare le auto"

CesenaToday è in caricamento