rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Agricoltura

Nove famiglie su dieci acquistano frutta e verdura biologiche. Ed è boom di aziende

La lista di ortofrutta bio “new entry” comprende arance, mandarini, limoni, banane, mele, pere, pesche, kiwi, pomodori da insalata, melanzane, zucchine, peperoni, carote e cipolle

Con quasi nove famiglie italiane su dieci (89%) che hanno acquistato almeno una volta prodotti biologici nell’ultimo anno, la frutta e verdura biologiche entrano nel paniere dell’Istat a conferma di una sempre maggiore attenzione da parte dei consumatori verso la sostenibilità nel piatto. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti su dati Nielsen diffusa in occasione dell’aggiornamento da parte dell’Istat dell’elenco dei prodotti che compongono il paniere di riferimento per la rilevazione dei prezzi al consumo nel 2023. La lista di ortofrutta bio “new entry” comprende arance, mandarini, limoni, banane, mele, pere, pesche, kiwi, pomodori da insalata, melanzane, zucchine, peperoni, carote e cipolle.

"L’analisi di Coldiretti, su dati Biobank, conferma una tendenza in crescita nelle vendite di prodotti biologici costante da circa dieci anni - sono le parole di Massimiliano Bernabini, presidente di Coldiretti Forlì-Cesena -. Basti pensare che negli ultimi 5 anni la Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena Rimini ha rilevato che il numero di aziende biologiche della provincia di Forlì-Cesena è aumentato di una percentuale che fa riflettere, segnando un +32,5% e collocando quindi la nostra provincia al secondo posto della classifica regionale (2° posizione dopo Parma)".

Secondo quanto accertato da Coldiretti, il valore degli acquisti di prodotti biologici ha raggiunto la cifra di oltre 3,9 miliardi di euro, con la grande distribuzione a rappresentare il canale di vendita principale anche se a registrare il maggior incremento delle vendite (+5%) sono i mercati contadini assieme a gas e piccoli negozi. A spingere il fenomeno bio è la leadership dell’Italia a livello europeo con 86mila imprese e il 17% della superficie coltivata a bio contro una media Ue del 9%. "Le quasi mille aziende bio della provincia - continua Bernabini - sommano una superficie agricola utilizzata di 26.527 ettari (14,2% del totale regionale), in aumento del 2,7% rispetto al 2020 e del 63,0% rispetto al 2016. Mentre rispetto alle imprese agricole biologiche dedite anche all’allevamento di almeno una specie animale con il metodo biologico, le percentuali salgono al 22,9% dei produttori bio totali con una variazione annua positiva nel medio periodo (+29,3%)”.

Ma in un momento di crisi energetica l’agricoltura biologica consente anche - commenta Alessandro Corsini, direttore di Coldiretti Forlì-Cesena - di tagliare di un terzo i consumi energetici attraverso l’utilizzo di tecniche meno intensive, le filiere corte e la rinuncia ai concimi chimici di sintesi prodotti con l’uso di gas. Si va dall’uso di sostanze naturali e 100% Made in Italy per concimare i terreni e sostituire i fertilizzanti dall’estero, rincarati con un effetto valanga sulla spesa delle famiglie, al riutilizzo degli scarti di produzione (foglie, gusci, paglia, ecc.) per garantire energia pulita, fino al potenziamento delle filiere corte con la vendita diretta che abbatte i trasporti. In questo modo si riesce a ridurre i consumi di energia in media del 30% rispetto all’agricoltura tradizionale ma in alcuni casi, come ad esempio per le mele, si arriva addirittura al -45%. "L’agricoltura biologica rappresenta un metodo produttivo di importanza strategica per la transizione ecologica dei nostri territori”, conclude il presidente della Coldiretti Ettore Prandini, nel ricordare che “i primati del biologico italiano contribuiscono a rendere la nostra agricoltura la più green d’Europa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nove famiglie su dieci acquistano frutta e verdura biologiche. Ed è boom di aziende

CesenaToday è in caricamento