menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confartigianato Cesena: "Sì alla fatturazione elettronica, ma per step"

Lo rimarca il Gruppo di presidenza Confartigianato Cesena formato da Stefano Ruffilli, Lorena Fantozzi e Marcello Grassi

"L’obbligo di fatturazione elettronica non deve complicare la vita degli imprenditori. Per difendere questo semplice ma sacrosanto principio, Confartigianato si sta battendo su più fronti, in vista dell’entrata in vigore del nuovo adempimento". Lo rimarca il Gruppo di presidenza Confartigianato Cesena formato da Stefano Ruffilli, Lorena Fantozzi e Marcello Grassi. "Già da luglio, infatti, scatterà la prima fase di questa rivoluzione e riguarderà le cessioni di benzina o gasolio per motori e le prestazioni dei subappaltatori nei contratti di lavori pubblici - viene ricordato -. Poi, da gennaio 2019 la fattura elettronica dovrebbe essere obbligatoria per tutti".

“Confartigianato sta lavorando su tre livelli di intervento. Il primo - afferma il Gruppo di Presidenza - nei confronti del decisore politico cui abbiamo sottoposto la necessità di una proroga immediata della scadenza del primo luglio. Siamo convinti che tre mesi non sono sufficienti né per le imprese né per l’amministrazione per essere pronti all’avvio della prima fase dell’adempimento. Si potrebbe ipotizzare anche un avvio senza sanzioni: chi vorrà sperimentare la fatturazione elettronica potrà iniziare a farlo e chi invece non sarà ancora pronto potrà continuare ad emettere fatture cartacee”.

"La seconda linea di intervento - spiega il Gruppo di Presidenza - è di carattere amministrativo, rivolta soprattutto all’Agenzia delle Entrate con cui abbiamo avviato un’importante interlocuzione. Abbiamo avanzato oltre 30 richieste di intervento e di modifiche per rendere la fatturazione digitale più semplice, meno invasiva, e per mettere al centro il ruolo degli intermediari soprattutto per le piccole imprese che non dispongono di un ufficio amministrativo e che si avvalgono totalmente dei servizi delle nostre associazioni. In proposito abbiamo avuto un primo riscontro sulle nostre 30 proposte nel corso del forum nazionale sulla fatturazione elettronica svoltosi il 26 marzo: su molte nostre indicazioni e sollecitazioni abbiamo riscontrato una corrispondenza con le proposte dell’Agenzia delle Entrate".

"Il terzo livello di intervento - conclude il Gruppo di Presidenza Confartigianato Cesena - riguarda il nostro impegno insieme ad altre realtà associative per rendere la fatturazione elettronica il più semplice e il meno costosa possibile. Ci battiamo per ridurre al minimo gli oneri burocratici di un adempimento che tocca 5 milioni di partite Iva".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Muri portanti: cosa c'è da sapere prima di modificarli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento