menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tecnologie dell'informazione, aumentano gli addetti: "Chiave di svolta per la competitività"

I risultati dell’indagine hanno mostrato dati incoraggianti per le aziende del settore ICT della provincia di Forlì-Cesena. Anche in un anno difficile per l’economia nazionale e locale come il 2013, nonostante una flessione dei fatturati, si è potuto riscontrare un aumento del numero degli addetti

Prima mappatura sull'Information ad Communication Technology realizzata dalla Camera di Commercio di Forlì-Cesena in collaborazione con l'Università di Bologna, Unindustria Forlì-Cesena e na Forlì-Cesena Il settore svolge un ruolo determinante e strategico per lo sviluppo delle imprese e per la competitività dei territori. L’indagine ha riguardato il periodo dal 2011 al 2013 con focus sulla presenza delle imprese ICT sul territorio; l'attività dell’impresa (tipologia, fatturato, mercato di riferimento); tecnologia e innovazione; personale e formazione; relazioni tra le imprese del settore ICT e le altre imprese; e proposte e suggerimenti.

"Un primo risultato molto importante conseguito nel corso dell’indagine  - è stato illustrato - è la definizione delle attività economiche che, secondo il gruppo di lavoro, dovrebbero rientrare nel perimetro dell’ICT. Infatti il tema della classificazione delle attività ICT, seppure molto importante, non ha ancora visto una definizione solida e condivisa sia a livello nazionale che internazionale. Partendo dalla proposta di classificazione delle attività ICT, si è potuto stabilire quali aziende della Provincia di Forlì-Cesena possono essere considerate appartenenti al settore ICT".

I risultati dell’indagine hanno mostrato dati incoraggianti per le aziende del settore ICT della provincia di Forlì-Cesena. Anche in un anno difficile per l’economia nazionale e locale come il 2013, nonostante una flessione dei fatturati, si è potuto riscontrare un aumento del numero degli addetti e una certa vivacità del settore dimostrata da un generale allargamento dei mercati sia rispetto ai settori delle aziende clienti che alla tipologia di prodotti e servizi offerti. Le aziende ICT della provincia di Forlì-Cesena chiedono di incentivare la collaborare tra imprese e di essere supportate dagli enti locali, l’università, la scuola e le associazioni di categoria. Numerose aziende del territorio sono impegnate a lavorare su temi innovativi e intendono investire, ma chiedono aiuto anche per reperire i finanziamenti.

Un richiesta molto sentita riguarda la promozione dell’ICT nelle aziende non del settore, per far comprendere il valore e i vantaggi offerti dalle nuove tecnologie nel miglioramento dei processi aziendali e la conseguente crescita di efficienza e competitività sui rispettivi mercati. Molte aziende lamentano un mancato riconoscimento da parte del mercato del valore delle soluzioni offerte.

"L’ICT - ha affermato il presidente della Camera di Commercio, Alberto Zambianchi - è un asset strategico per sostenere la ripresa ed incrementare un’occupazione qualificata e giovane e rappresenta una vera e propria “chiave di volta” per lo sviluppo. La crescita di questo settore è importante non solo per la creazione diretta di imprese, capitale umano e valore aggiunto che determina, ma anche per la competitività dell’intero Sistema Imprenditoriale. Per questi motivi la Camera è impegnata nel migliorare la conoscenza del fenomeno nell’infrastrutturazione a banda larga e ultralarga per le imprese, con interventi mirati nelle aree artigianali e industriali del nostro territorio in divario digitale, e nella sensibilizzazione delle imprese sulle straordinarie opportunità che l’ICT offre in termini di organizzazione aziendale e di mercato”.

Per Luciano Margara, coordinatore del Campus di Cesena dell’Università di Bologna, che ha illustrato il “Ruolo del Corso di Ingegneria e Scienze Informatiche e del CIRI ICT, "iniziative di questo genere sono molto utili perché ci danno la misura di tutto quanto è stato fatto nel settore ICT, sia lato imprese sia lato università, e sono una solida partenza per riprogrammare il futuro”. Secondo Marco Antonio Boschetti, docente dell’Università di Bologna, che ha presentato i “Risultati della Mappatura del settore ICT nella Provincia di Forlì-Cesen, "questa indagine ha dimostrato che la collaborazione tra Camera di Commercio, Associazioni di categoria, imprese e università può aprire la strada a iniziative concrete a supporto del sistema imprenditoriale. Ora, dopo questa fase di raccolta dati e di ascolto delle imprese è necessario definire delle azioni coerenti con quanto emerso dallo studio. Questa indagine deve essere il primo passo di un cammino condiviso, che sarà senz’altro impegnativo ma necessario".

Per Matteo Cecchini, vicepresidente Cna, "lo scenario attuale impone una aggregazioni su più livelli: associazioni, aziende e istituzioni devo operare congiuntamente per sfruttare al meglio le opportunità offerte dalla tecnologia per aumentare il loro vantaggio competitivo. Nuovi mercati, come l’Internet of Things, offrono la possibilità ad aziende tradizionali di operare in sinergia con aziende digitali creano nuovo valore per il territorio e per le aziende stesse. Questa ricerca offre l’opportunità di conoscere il sistema delle imprese del mondo dell’ICT ed il potenziale che possono sviluppare in termini di valore aggiunto per il territorio rendendo quest’ultimo un sistema “intelligente” e ricettivo verso i nuovi mercati”.

“Gli imprenditori e le istituzioni si stanno sempre più rendendo conto che l’ICT è fattore strategico per la competitività - ha affermato Fabio Piraccini, consigliere delegato di Unindustria -.  Pertanto avere un territorio attento e attivo in questo settore è determinante ed è opportuno che il settore venga monitorato, valutato e potenziato. L’indagine sulle aziende ICT del territorio di Forlì e Cesena ha evidenziato che abbiamo un ottimo potenziale costituito da imprese eccellenti, da una Università competente e da Istituzioni attente, ma è necessario migliorare le sinergie perché solo attraverso la crescita dell’intero settore potremo cavalcare da protagonisti le opportunità del prossimo futuro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Casa

Come eliminare l'odore del fumo in casa? Ecco tutti i segreti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento