Pacco alla "napoletana", ma le vittime fotografano la targa del truffatore: nei guai un 34enne

La prima proposta di vendita è stata di 400 euro, poi con la trattativa, andata a buon fine, i ragazzi hanno pagato 320 euro

Risale al primo di agosto scorso un episodio su classico “pacco” alla napoletana sul quale hanno indagato i poliziotti del Posto di Polizia di Cesenatico. Il fatto è accaduto a Gatteo Mare ai danni di due ingenui turisti marchigiani. L’autore un 34enne napoletano, già noto alle forze dell'ordine. I due malcapitati, in vacanza in un hotel di Gatteo Mare, sono stati avvicinati dal campano, alla guida di una autovettura Mercedes Classe A grigia, che dapprima ha chiesto informazioni stradali, poi ha proposto ai ragazzi l’acquisto di 4 smartphone (due Samsung e 2 Apple), dicendo che per motivi economici aveva necessità di realizzare una somma a lui necessaria per rientrare dalle ferie.

La prima proposta di vendita è stata di 400 euro, poi con la trattativa, andata a buon fine, i ragazzi hanno pagato 320 euro. Naturalmente, in questo mercanteggiare, ai ragazzi sono stati mostrati dei telefoni veri e funzionanti, in ottimo stato. Il “pacco” si è concretizzato nel momento di consegnare la merce; in pratica, con gesto fulmineo, l’uomo ha sostituito la busta contenente i telefoni veri con un’altra, all’interno della quale vi era una confezione identica a quella dei telefoni veri, che però conteneva solamente dei brick di succo di frutta. L’amara sorpresa è stata scoperta poco dopo: i ragazzi si sono recati subito alla stanza d’albergo per verificare lo stato dei telefoni appena acquistati, e qui si sono resi conto della truffa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ingenui, ma non troppo, uno dei due giovani aveva scattato una fotografia alla targa del veicolo in uso al venditore, e così è stato possibile identificare l’autore del reato, anche se arrivare alle sue generalità è stato particolarmente difficoltoso per il fatto che il veicolo risultava a noleggio presso una ditta in fase fallimentare, con sede in Molise. Il 34enne dovrà ora rispondere del reato di truffa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento