"Bagno d’Arte", Arts Factory animerà il Palazzo del Capitano dal 2017 al 2019

Al programma, Arts Factory ha inoltre aggiunto un piano di comunicazione appoggiato su social media, dialoghi con le proposte musicali locali dell’etichetta Soundido e partner iati con istituti di formazione artistica

L’associazione culturale Arts Factory di Mercato Saraceno curerà la direzione artistica e organizzativa della stagione espositiva “Bagno d’Arte” a Palazzo del Capitano di Bagno di Romagna per il triennio 2017-2019. L’associazione si è aggiudicata l’affidamento a seguito della manifestazione di interesse pubblicata lo scorso aprile, presentando un programma pluriennale attento a valorizzare gli artisti locali, i talenti emergenti, le contaminazioni internazionali e il paesaggio del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

Al programma, Arts Factory ha inoltre aggiunto un piano di comunicazione appoggiato su social media, dialoghi con le proposte musicali locali dell’etichetta Soundido e partner iati con istituti di formazione artistica. Dietro Arts Factory, gli artisti della Valle del Savio Roberto Giordani, fabbro, e Alessandro Casetti, pittore, entrambi già protagonisti di personali e collettive al Palazzo del Capitano. "Da un lato - commenta Enrica Lazzari, assessore alla cultura del Comune di Bagno di Romagna - siamo felici che questo nuovo corso, che introduce novità sul fronte della comunicazione e del dialogo con il territorio, cammini sulle spalle di artisti aiutati a crescere dalla direzione artistica di Orlando Piraccini e dell’Ibc".

"Dall’altro - commenta il sindaco Marco Baccini - accogliamo con un segnale positivo che l’associazionismo locale diventi protagonista dell’animazione di Palazzo del Capitano. Come per i grandi eventi organizzati sul territorio, questa Amministrazione ama tracciare una cornice per lasciare poi che le varie anime della comunità vi si esprimano liberamente, creando, con la loro creatività, nuovi dialoghi tra Bagno di Romagna e il mondo”. La programmazione artistica, che gode del supporto di Soggetel, partirà già a luglio con la giovane artista romagnola Alice Tamburini, già premiata come giovane pittrice dalla città di Cesena, per poi proseguire con gli scultori Roberto Merotto, noto per la sua predilezione per il legno, il bosco e la montagna, e Demis Medri, protagonista sulla scena internazionale con i materiali più vari, dall’argilla al gesso, dalla pietra al ferro e al bronzo. A partire dal 2018, a Bagno arriveranno anche artisti internazionali. Il ceco Pavel Tavsovsky, conosciuto per la sua abilità nel forgiare parti meccaniche. Il pittore e scultore newyorkese Leonard Urso, che con il rame realizza volti e mani enormi. E la scultrice performer Alexandra Engelfriet, stimata in Europa e Giappone per un’arte che oltre che dalle mani nasce dal corpo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Tante classi in quarantena ed un morto, l'evoluzione del virus nel Cesenate

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

Torna su
CesenaToday è in caricamento